(AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)
  • Mondo
  • giovedì 10 Novembre 2016

Le foto dell’incontro tra Obama e Trump

Alla Casa Bianca, nello Studio Ovale: se le avessimo viste un anno fa, non ci avremmo creduto

(AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)

Giovedì pomeriggio, poco dopo le 17 ora italiana, Barack Obama ha incontrato per la prima volta Donald Trump dopo le elezioni di martedì: come da consuetudine il presidente in carica ha invitato il presidente eletto alla Casa Bianca per iniziare formalmente la transizione di poteri, che si concluderà il prossimo gennaio quando Trump giurerà da nuovo presidente e la sua amministrazione prenderà il posto della vecchia. L’incontro è durato più o meno un’ora e mezza. Poi Obama e Trump si sono stretti la mano e hanno parlato brevemente davanti ai giornalisti, ma non hanno risposto ad alcuna domanda.

Trump ha detto che è stato «un grande onore» incontrare il presidente Obama; Obama ha definito il loro incontro «eccellente» e ha spiegato che hanno discusso di politica interna ed estera e di essere rimasto molto soddisfatto dell’interesse di Trump a collaborare sulle questioni che dovranno affrontare gli Stati Uniti. Obama ha anche detto: «Al di là dei nostri orientamenti politici e dei nostri partiti, penso che ora sia importante unirsi e lavorare insieme».

Trump ha detto di essere «impaziente» di lavorare con Obama e di ricevere da lui anche dei consigli: «Ho grande rispetto per lui», ha aggiunto. E ancora: «Signor Presidente, è stato un grande onore essere con voi, sono impaziente di ritrovarvi in altre occasioni». Più tardi Trump ha riassunto la sua giornata in un tweet:

Giovedì si sono incontrate, ma privatamente, anche Michelle Obama e Melania Trump, futura first lady: la conversazione è avvenuta nella residenza, lontano da giornalisti. «Michelle ha avuto la possibilità di ospitare la futura first lady e abbiamo avuto con lei un’eccellente conversazione», ha detto Obama dallo Studio Ovale, con Trump seduto accanto. Dopo essere stato alla Casa Bianca, Donald Trump è andato al Congresso.