Un fermo immagine di uno dei video "mannequin challenge"

E che cos’è il “mannequin challenge”?

Se avete visto in giro i video delle persone immobili ma non sapete cosa sono: 1) siete vecchi 2) leggete qui

Un fermo immagine di uno dei video "mannequin challenge"

Probabilmente li avete visti: da un po’ di giorni circolano online video buffi di persone riprese mentre stanno completamente immobili. Si chiama mannequin challenge, ed è l’ultima cosa-buffa-da-fare-sui-social-network, che si è diffusa rapidamente in tutti gli Stati Uniti ed è arrivata anche in Europa. Questo pare essere il primo video di questo tipo:

Il video è del 26 ottobre. Nei 45 secondi di ripresa si vedono dei ragazzi immobili, come congelati nelle azioni che stavano facendo pochi secondi prima: alcuni i piedi sui banchi in pose un po’ inusuali, altri tranquillamente seduti che guardano il cellulare.

Le regole da seguire per realizzare un video di questo tipo sono semplici: filmare più persone possibili mentre stanno immobili e mettere sotto la canzone “Black Beatles” di Rae Sremmurd.
La moda si è diffusa molto rapidamente, soprattutto nelle scuole e nelle squadre sportive:

https://twitter.com/MannequinClips/status/794629046390886402

https://twitter.com/MannequinClips/status/794641384590413824

Anche alcuni personaggi famosi si sono dilettati, come Adele e gli ospiti del talk show Late late show:

C’è chi l’ha interpretato in modo creativo:

E poi ce n’è uno molto a tema con la giornata di oggi:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.