Quanto spesso dovremmo lavarci i capelli?

Dipende molto dal tipo di capelli, ma è comunque probabile che lo facciate troppo spesso

A meno che non abbiate deciso di ascoltare i consigli di qualche esperto, è probabile che vi laviate i capelli troppo spesso. Nonostante la tricologia di ognuno sia unica e richieda una pulizia diversa, chi lavora tutti i giorni con i capelli consiglia di lavarli con lo shampoo con una frequenza piuttosto bassa: una volta ogni tre-quattro giorni, con pareri più isolati che sostengono che vadano lavati ancora meno e altri che dicono che invece è meglio farlo più spesso.

I capelli diventano grassi per il formarsi degli oli prodotti dalle ghiandole sebacee del cuoio capelluto: questi oli permettono allo sporco di attaccarsi ai capelli, e infatti gli shampoo servono a pulirli via. Oggi ci laviamo i capelli molto più spesso rispetto al secolo scorso: nel 1908 il New York Times pubblicò un articolo per consigliare alle donne di lavarli una volta ogni due settimane, invece che una volta al mese come era comune. C’è ancora chi sostiene regimi con una frequenza simile, insieme ad altri che dicono sia necessario lavarli ogni giorno: la maggior parte degli esperti, però, dice che l’ideale è una via di mezzo, e che dipende molto dal tipo di capelli.

Jeff Chastain, hairstylist di New York, ha per esempio detto al New York Times che le donne dovrebbero lavarsi i capelli una o due volte a settimana, e non di più, perché «meno shampoo significa capelli più forti e più lunghi». Le donne con i capelli ricci hanno bisogno di ancora meno lavaggi: Chastain consiglia di usare il balsamo per massaggiare il cuoio capelluto, e poi spalmarlo lungo i capelli prima di risciacquarli. Quello del balsamo come sostituto dello shampoo, e non come aggiunta, è un consiglio piuttosto diffuso: ha meno proprietà detergenti, ma può rimuovere i residui sui capelli in maniera meno invasiva. Gli uomini, secondo Chastain, dovrebbero lavare i capelli con lo shampoo una volta a settimana, e negli altri giorni usare il balsamo. Per le donne un’alternativa è lo shampoo secco, quei prodotti che vengono applicati sui capelli e che puliscono senza bisogno di acqua. I capelli lisci diventano grassi prima di quelli ricci, perché gli oli prodotti dal cuoio capelluto scivolano più velocemente fino alle punte dei capelli. Chastain ha consigliato, invece di bagnare i capelli lisci, di provare a usare uno shampoo secco. Nel secondo o nel terzo giorno senza lavarli con l’acqua, ha consigliato, si possono legare in una coda. «Usate uno spray per capelli che lavori con la brillantezza del grasso. Bisogna sfruttarlo, non lottarci contro. Rendeteli di nuovo lucenti usando un po’ di spray, e portate una coda per un giorno o due».

Non tutti sono però d’accordo: George Cotsarelis, direttore della Hair and Scalp Clinic alla University of Pennsylvania, ha spiegatoTime che gli oli naturali prodotti dal cuoio capelluto possono coltivare funghi che portano alla seborrea, la malattia che causa un’eccessiva produzione di sebo delle ghiandole. Lavando i capelli, poi, si asportano quelli morti, e si incentiva la crescita di nuovi, ha detto Cotsarelis: «per questo non sono un grande fan del far passare molto tempo tra un lavaggio e l’altro». Cotsarellis ha ammesso però che lavare troppo spesso i capelli più essere un problema per le donne con i capelli secchi che li portano lunghi: per chi invece li porta corti – soprattutto gli uomini – non c’è un vero problema. In definitiva, l’ideale è lavarli con una frequenza tra ogni giorno e una volta ogni due o tre giorni, dice. Per quanto riguarda i prodotti da usare, Cotsarelis dice che quelli delle marche più importanti sono i più testati, e quindi non c’è da preoccuparsi: «Vedo pazienti che si lavano i capelli con aceto di mele e bicarbonato perché pensano sia più naturale, ma quelli sono prodotti acidi e basici e possono fare molto male».

Le cose cambiano quando si hanno altri tipi di capelli. Nikki Walton, che ha un blog in cui dà consigli su come curare i capelli delle donne afroamericane, dice che l’ideale nel suo caso è usare lo shampoo una volta al mese, e il balsamo una volta ogni due settimane. Walton dice che «i vostri capelli sono come una bella maglia: più la lavate, più si lascia andare». Lei ha i ricci molto fitti: negli altri casi si possono lavare anche un paio di volte a settimana, con un balsamo o uno shampoo delicato. Michael Gordon, fondatore ed ex presidente della società di prodotti per capelli Bumble and Bumble, ora gestisce lo studio Hairstory, dove ha introdotto una linea di prodotti per capelli senza detergenti. Gordon ha idee molto radicali: ha spiegato al New York Times che «se ti lavi i capelli con il detergente, incoraggi i tuoi capelli a diventare grassi, e quindi devi lavarli di nuovo. Se a monte non li bombardi con detergenti, sei a posto. Dopo più o meno tre settimane senza lavarsi i capelli ogni tre o quattro giorni, non devi più lavarli così spesso». Sono in pochi quelli d’accordo con Gordon: Cotsarellis per esempio ha spiegato che va bene ridurre la frequenza quando si sente che sono un po’ deboli, ma è sbagliato non lavarli per giorni e giorni pensando di renderli più sani. È vero però, come ha spiegato Michelle Hanjani, dermatologa alla Columbia University, che «se lavi i capelli ogni giorno, rimuovi il sebo, e le ghiandole compensano producendo più oli». L’ideale, dice Hanjani, è quindi lavarli non più di due o tre volte a settimana.

L’anno scorso la modella americana Kim Kardashian aveva spiegato al sito Into the Gloss quali fossero le sue abitudini in fatto di cura del corpo. Oltre a raccontare che nella sua borsa dei trucchi c’è roba per quasi duemila dollari, Kardashian aveva detto di lavarsi i capelli una volta ogni cinque giorni: «iniziamo con una piega il primo giorno, poi il secondo li sistemiamo un po’ più sciolti, e il terzo li piastriamo e li rendiamo più lucenti con un po’ di olio. Il quarto giorno può andare una coda, e il quinto giorno li si lava». Il Guardian ha chiesto all’hair stylist Andrew Bidwell se i consigli di Kardashian avessero senso, e lui ha risposto che, in generale, erano corretti. Bidwell ha spiegato che il regime di Kardashian sui capelli è solido perché sfrutta lo stato naturale dei capelli: se sono secchi o normali, come i suoi, lavarli ogni cinque giorni va bene. Le persone che soffrono di forfora, però, dovrebbero lavarli più spesso, mentre quelli con la psoriasi ancora meno di una volta ogni cinque giorni. Chi ha i capelli più sottili di quelli di Kardashian, ha spiegato Bidwell, dovrebbe lavarli più spesso, tipo una volta ogni due giorni, ma limitandosi solo al cuoio capelluto: se li si lava tutti finiranno con il disidratarsi. Molto dipende da dove si vive: Bidwell ha spiegato che quando viveva nella campagna francese non li lavava quasi mai, mentre a Londra si sporcano molto più velocemente.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.