L'aula di Palazzo Madama, sede del Senato, Roma, luglio 2016 (ANSA/GIUSEPPE LAMI)
  • Italia
  • venerdì 28 ottobre 2016

Come funzionerà il nuovo Senato

Ammesso che vinca il Sì: il Corriere spiega cosa faranno e come saranno eletti i senatori

L'aula di Palazzo Madama, sede del Senato, Roma, luglio 2016 (ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Il Corriere della Sera ha spiegato con ordine come funzionerà il Senato se verrà approvata la riforma costituzionale per cui si voterà con il referendum del 4 dicembre: la differenza più grossa è che i senatori non saranno eletti direttamente dai cittadini, che saranno di meno e che avranno competenze molto limitate.

All’elettore, alle Politiche, sarà consegnata una sola scheda: si voterà soltanto per la Camera dei deputati — se passa la riforma — e non per il Senato. A Palazzo Madama siederanno invece consiglieri regionali e sindaci, oltre a cinque senatori, in carica per sette anni, scelti dal capo dello Stato. E vi siederanno comodi: l’Aula sarà vuota per più dei due terzi. I membri di Palazzo Madama, nella legge Renzi-Boschi sottoposta al voto del 4 dicembre, passano da 315 a 100.

Si chiamerà sempre «Senato della Repubblica», anche nella Carta riformata. Nella prima bozza del testo era «Senato delle Autonomie», dizione perduta nei passaggi parlamentari. Ma il senso è rimasto quello: la seconda Camera non rappresenta più la Nazione — prerogativa dei deputati — ma le istituzioni territoriali. E infatti a eleggere 95 membri, su 100, saranno i consigli regionali (o le Province autonome, a Trento e Bolzano) «con metodo proporzionale» tra i propri membri (74) e tra i sindaci del territorio (21). La riforma stabilisce: il numero dei seggi, per ciascuna regione, varia in base alla popolazione, ma non può essere inferiore a due (un sindaco, gli altri consiglieri, come da grafico). Si tratta, dunque, di un’elezione di secondo livello: i senatori sono eletti dai consigli. Però «in conformità alle scelte espresse dagli elettori per i candidati consiglieri» alle Regionali. Ma come esprimeranno, in pratica, gli elettori questa scelta?

(Continua a leggere sul Corriere della Sera)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.