Un dizionario inglese-tigrino - Calais, 27 ottobre 2016 (Christopher Furlong/Getty Images)
  • Mondo
  • giovedì 27 ottobre 2016

Le cose lasciate a Calais dai migranti

Orti, chitarre, pennarelli, giochi e libri, tra le cose abbandonate durante lo sgombero del grande campo profughi in Francia

Un dizionario inglese-tigrino - Calais, 27 ottobre 2016 (Christopher Furlong/Getty Images)

L’evacuazione del campo per migranti ufficioso di Calais, conosciuto come “la giungla”, era iniziata lunedì e si è conclusa ufficialmente ieri: ha riguardato quasi 5.600 persone che sono state registrate e poi trasferite in altre zone della Francia. Tante di queste persone hanno lasciato o dimenticato nelle tende e nelle roulotte in cui vivevano oggetti personali che raccontano una parte della loro vita nel campo, che è considerato da anni un simbolo della crisi dei migranti. Ci sono piccoli orticelli e giardini con fiori, libri, dizionari, quaderni, pennarelli, chitarre e vestiti dimenticati stesi ad asciugare.

Già ieri gli operai hanno cominciato con lo smantellamento delle costruzioni e la raccolta dei rifiuti e da oggi nel campo ci sono più mezzi, per accelerare le operazioni per la demolizione delle strutture rimanenti e completarle entro lunedì.

Ieri sera la prefetta del dipartimento del Passo di Calais, Fabienne Buccio, aveva detto che le operazioni di sgombero erano finite e che non c’erano più persone nel campo. In realtà secondo alcuni volontari e giornalisti, circa 100 persone hanno dormito ancora nel campo, tra cui almeno 68 minori non accompagnati. Secondo Buccio sono persone arrivate da altre parti della Francia: ha detto che i 68 minori verranno spostati in altri centri in Francia, ma che da Calais non partiranno più autobus per i centri di accoglienza.

L’evacuazione del campo di Calais ha riguardato ufficialmente 5.596 persone. Prima dell’inizio delle operazioni il ministero degli Interni aveva parlato però di 6.486 uomini, donne e minori presenti nella “giungla”: questo significa che molto probabilmente centinaia di persone non sono state coinvolte nei trasferimenti organizzati dal governo. Lo sgombero del campo di Calais era cominciato lunedì: il campo ospitava dai 6.400 agli 8.000 migranti, soprattutto provenienti dall’Afghanistan, dal Sudan e dall’Eritrea. Vivevano in baracche e in mezzo al fango, la maggior parte in attesa di un modo per entrare nel Regno Unito. Il campo di Calais, che non è organizzato o appoggiato dal governo francese, esiste in varie forme dalla fine degli anni Novanta.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.