• Tecnologia
  • Questo articolo ha più di sei anni

Come trasformare gli iPhone in una lente d’ingrandimento

È una nuova funzione di iOS 10, di quelle che conoscono in pochi, ma molto utile soprattutto per gli ipermetropi (e chi non lo è dopo i 50?)

Quando presenta una nuova versione del suo sistema operativo iOS, Apple di solito illustra le principali novità, lasciando che siano gli utenti a scoprire man mano quelle più piccole, con il passaparola o in un secondo momento attraverso l’applicazione Suggerimenti. Una di queste, disponibile sul nuovo iOS 10 e che conoscono in pochi, trasforma gli iPhone in una pratica lente d’ingrandimento, sfruttando la fotocamera principale dello smartphone. La funzione è utile per vedere le scritte in piccolo, o per dare la possibilità agli ipermetropi di leggere qualcosa al volo, soprattutto quando si sono dimenticati gli occhiali da qualche parte.

Come si attiva la funzione Lente d’ingrandimento
Dall’app “Impostazioni” di iOS, quella con il disegno con gli ingranaggi, si sceglie la voce “Accessibilità” e in seguito quella “Lente d’ingrandimento”. Nella scheda che si apre è sufficiente attivare l’interruttore a fianco della voce “Lente d’ingrandimento”.

Come si usa
Una volta attivata l’opzione, la lente d’ingrandimento può essere avviata in qualsiasi momento premendo tre volte il tasto Home. L’iPhone mostra ciò che sta inquadrando la fotocamera posteriore, in modo simile a quando si avvia l’app per scattare le fotografie, ma con una serie di opzioni per facilitare la visione da vicino degli oggetti inquadrati: se si preme il tasto centrale non si scatta una foto, ma si ferma comunque l’immagine sullo schermo rendendo più pratica la lettura. Sono inoltre disponibili uno zoom e un sistema di filtri per aumentare in tempo reale il contrasto dell’immagine, o applicare colori diversi con un più alto contrasto tra loro per rendere ancora più visibili scritte in piccolo o altri particolari. Per uscire dalla modalità Lente d’ingrandimento basta premere di nuovo tre volte il tasto Home.