(AP Photo/Dave Caulkin)
  • Sport
  • martedì 18 ottobre 2016

60 anni da Martina Navratilova

Per Time è la tennista più forte di sempre: ha vinto più Wimbledon di tutti (nove) e ha alle spalle una storia notevole

(AP Photo/Dave Caulkin)

Martina Navratilova è una delle tenniste più famose e forti di sempre. Si parla di lei da quando, nel 1972, a 15 anni, arrivò in semifinale agli US Open, il più importante torneo di tennis statunitense: ora che di anni ne ha appena compiuti 60 ci sono molti suoi record, e partite e grandi vittorie da ricordare.

È stata al primo posto della classifica mondiale delle tenniste professioniste (WTA) nel singolare per un totale di 332 settimane, e ha il record per il più alto numero di settimane al primo posto nel doppio: 237. È l’unica tennista ad aver mantenuto il primo posto sia nel doppio che nel singolare per più di 200 settimane, record che nessun tennista maschio ha mai raggiunto. Ha vinto 18 titoli di Grande Slam, cioè i quattro tornei più importanti del tennis: 3 Australian Open, 2 Roland Garros, 4 US Open ed è la tennista che in assoluto ha vinto più volte Wimbledon, nove di cui sei consecutive (per fare un confronto, lo svizzero Roger Federer e lo statunitense Pete Sampras l’hanno vinto sette volte, più di tutti gli altri tennisti maschi). Infine ha vinto il maggior numero di titoli sia nel singolare (167) che nel doppio nel doppio (177).

La sua ultima vittoria importante, poco prima di compiere 50 anni, è il doppio misto agli US Open del 2006 insieme al compagno di squadra Bob Bryan, contro la squadra ceca formata da Květa Peschke e Martin Damm. È diventata così la tennista più anziana, sia tra le donne che gli uomini, a vincere un Grande Slam. Nel 2005 la rivista Tennis l’ha definita la miglior tennista donna tra il 1965 e il 2005, davanti a Steffi Graf.

Martina Navratilova è nata a Praga nel 1956. Il tennis entrò nella sua vita quando nel 1962 sua madre, dopo aver divorziato dal padre, sposò Miroslav Navrátil, da cui prese il cognome e che fu il suo primo allenatore. Anche la madre era una sportiva – praticava la ginnastica, il tennis e lo sci – e così il padre, che faceva l’istruttore di sci. Nel 1972, a 15 anni, Navratilova vinse il campionato nazionale di tennis della Cecoslovacchia. Nel 1975, dopo aver perso contro la statunitense Chris Evert in semifinale agli US Open, andò all’Ufficio Immigrazione di New York dicendo di non voler tornare in Cecoslovacchia, allora sotto l’influenza sovietica: nel giro di un mese ottenne una green card e nel 1981 divenne cittadina statunitense. Dal 2008 ha anche la cittadinanza ceca.

Navratilova vinse il primo titolo importante nel 1975: il doppio al Roland Garros di Parigi, in squadra con Chris Evert. Sempre con Evert, Navratilova batté Billie Jean King e Bette Stove a Wimbledon, nel 1976. La prima vittoria a Wimbledon nel singolare arrivò nel 1978: Navratilova sconfisse proprio Chris Evert, e lo rifece anche nel 1979. In totale le due tenniste giocarono l’una contro l’altra 80 volte, di cui 14 in una finale di Grande Slam: Navratilova vinse 43 volte. La finale del Roland Garros del 1985 tra loro è considerata da molti la più bella partita di tennis femminile di tutti i tempi.

L’altra grande avversaria di Navratilova è stata la tennista tedesca Steffi Graf. Nel 1988 Navratilova – allora trentunenne – fu battuta in finale a Wimbledon da Graf, che all’epoca aveva 18 anni. L’anno successivo Graf batté Navratilova sia a Wimbledon che agli US Open. In totale le due tenniste giocarono in singolare l’una contro l’altra 18 volte: nonostante i 13 anni di differenza, Navratilova ne vinse la metà, e cinque delle nove più importanti.

Navratilova si è ritirata dai tornei di singolare nel 1994, a 37 anni: l’ultima volta che vinse a Wimbledon fu nel 1990. Si è riparlato di lei nel 2010, quando le venne diagnosticato un tumore al seno da cui riuscì a guarire e provò a scalare il monte Kilimanjaro in Tanzania; e nel 2014 quando durante gli US Open chiese alla sua compagna Julia Lemigova di sposarla. Per un breve periodo, sempre nel 2014, allenò la tennista polacca Agnieszka Radwańska. Navratilova ha anche preso più volte posizioni politiche e si è espressa in difesa dei diritti delle persone omosessuali. Recentemente ha criticato il candidato alla presidenza degli Stati Uniti Donald Trump per le sue dichiarazioni sessiste nell’ormai famoso video del 2005.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.