• Cultura
  • venerdì 30 settembre 2016

Un libro di bellissime copertine di libri

Pubblicato da Corraini: raccoglie i lavori di sei innovativi illustratori italiani, tra cui Emiliano Ponzi, Lorenzo Mattotti e Olimpia Zagnoli

Un dettaglio della copertina di "Vipera" di Maurizio De Giovanni illustrata da Lorenzo Mattotti

La casa editrice Corraini ha raccolto in un libro le copertine di libri disegnate da sei importanti e innovativi illustratori italiani, famosi in tutto il mondo: si intitola Cover Revolution! ed è curato da Melania Gazzotti. Raccoglie copertine di Franco Matticchio, Lorenzo Mattotti, Emiliano Ponzi, Guido Scarabottolo, Gianluigi Toccafondo e Olimpia Zagnoli, un saggio del giornalista culturale Stefano Salis e due interviste: una all’art director di minimum fax Riccardo Falcinelli, una a Cristiano Guerri, art director di Feltrinelli. Emiliano Ponzi (peraltro blogger del Post) ha disegnato molte copertine per Feltrinelli e Mondadori, oltre a illustrazioni per numerose testate, tra cui il New Yorker e il New York Times. Le case editrici che hanno dato spazio a questi illustratori e hanno collaborato alla redazione del volume sono Einaudi, Fandango, Feltrinelli, Garzanti, Giunti, Guanda e Mondadori.

Sulle copertine dei libri italiani solitamente non si vedono le sperimentazioni grafiche frequenti nell’editoria anglosassone ma i lavori di questi illustratori sono un’ottima eccezione, come spiega il libro di Corraini. Le illustrazioni presenti in Cover Revolution! saranno in mostra nella sede di New York dell’Istituto italiano di cultura dal 29 settembre al 26 ottobre. Poi saranno esposte al Laboratorio Formentini di Milano dal 9 al 25 novembre, e all’Istituto italiano di cultura di Dublino dal 19 novembre al 29 gennaio 2017.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.