Francisco Raffaele Villarusso, a destra, e Luca De Sario con la sindaca di Roma Virginia Raggi, in Campidoglio, il 17 settembre 2016 (ANSA/ US - RUSSO-CRESCENZO)
  • Italia
  • sabato 17 settembre 2016

Le foto della prima unione civile celebrata a Roma

L'ha celebrata stamattina in Campidoglio Virginia Raggi: si sono uniti Francisco Raffaele Villarusso e Luca De Sario

Francisco Raffaele Villarusso, a destra, e Luca De Sario con la sindaca di Roma Virginia Raggi, in Campidoglio, il 17 settembre 2016 (ANSA/ US - RUSSO-CRESCENZO)

A Roma la sindaca Virginia Raggi ha celebrato la prima unione civile della città tra persone dello stesso sesso: a unirsi sono stati Francisco Raffaele Villarusso, 43 anni, e Luca De Sario, 30 anni. Non sono le prime unioni civili italiane, dato che già all’inizio dell’estate – dopo la firma del decreto attuativo sulle unioni civili che ha fatto entrare in vigore le unioni, diventate legge l’11 maggio – si era celebrata un’unione a Castel San Pietro Terme, in provincia di Bologna, e ancora prima, il 24 giugno se ne era celebrata un’altra a Lugo di Romagna, in provincia di Ravenna. Durante la cerimonia di oggi, prima di leggere gli articoli del codice civile che regolano le unioni, Raggi ha detto: «Questa è la sfida che vi accingete a intraprendere. Vi auguro una vita intensa. Andate avanti a testa alta con forza e divertitevi. Il segreto è divertirsi». Subito dopo la lettura degli articoli, c’è stato un grande applauso. Villarusso e De Sario erano vestiti uguali e indossavano dei cappelli a cilindro viola.

Nei mesi scorsi c’erano state alcune critiche all’amministrazione di Roma per il ritardo con cui erano state avviate le procedure per le unioni civili: le prime unioni civili di Milano, ad esempio, sono state celebrate il 5 agosto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.