(Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

Venezia in bianco e nero

Le foto senza colori di quelli che sono passati di lì durante la settimana della Mostra del cinema, che finisce stasera

(Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

La 73esima edizione della Mostra del cinema di Venezia finirà questa sera, quando la giuria sceglierà il migliore tra i 20 film in concorso assegnandogli il Leone d’oro. Oltre a essere un importante concorso cinematografico – il più antico al mondo, tra l’altro – il festival di Venezia è anche e soprattutto la migliore occasione per poter vedere alcuni dei più importanti attori e registi del cinema contemporaneo, oltre a personaggi famosi che non sono attori ma che vengono a Venezia per i film e le feste del festival. Tra le migliaia di fotografie che ogni giorno sono state scattate a quelli che presentavano o guardavano film a Venezia, alcune sono state scattate in bianco e nero. Abbiamo scelto quelle che danno davvero un’aria di “celebrità” ai loro soggetti: protagonisti di foto scattate ieri o la settimana scorsa, ma che potrebbero anche sembrare degli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta. Le foto scattate davvero in quegli anni – in bianco e nero per altri motivi – sono invece qui.

Il festival di Venezia arrivò un paio d’anni dopo gli Oscar: ma in quell’occasione si assegnano dei premi, mentre quello di Venezia è un festival dove si presentano film nuovi, e piuttosto rilevante per il mondo del cinema. Il Guardian ne ha parlato come di una “rampa di lancio per gli Oscar” perché ad esempio i due Miglior film degli Oscar del 2015 e del 2016 (Birdman e Spotlight) furono presentati proprio a Venezia. La scorsa edizione del festival di Venezia fu vinta dal film venezuelano Ti guardo. Quest’anno i premi più importanti saranno assegnati da una giuria presieduta da Sam Mendes, il regista di American Beauty e degli ultimi due James Bond. Insieme a lui ci saranno l’artista e regista Laurie Anderson, lo scrittore Giancarlo De Cataldo, i registi Lorenzo Vigas e Joshuna Oppenheimer e le attrici Zhao Wei, Gemma Arterton, Nina Hoss e Chiara Mastroianni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.