Corrado Passera, ex leader di Italia Unica, durante una manifestazione contro la nuova legge elettorale, nel 2015 davanti a Montecitorio, Roma (ANSA/FABIO CAMPANA

Il partito di Corrado Passera si scioglie

"Italia Unica", fondato due anni fa, non esisterà più: «Non tutto è andato come voluto»

Corrado Passera, ex leader di Italia Unica, durante una manifestazione contro la nuova legge elettorale, nel 2015 davanti a Montecitorio, Roma (ANSA/FABIO CAMPANA

“Italia Unica”, il movimento politico fondato da Corrado Passera nel 2014, si scioglie e smetterà di esistere. Lo ha confermato lo stesso Passera in una relazione finale sulle attività del movimento, ammettendo che:

«Non tutto è andato come voluto»

Secondo Passera, «non era il tempo giusto» per Italia Unica e «la scorciatoia populista oggi ha presa maggiore rispetto al ragionamento». La decisione di sciogliere il movimento è nata anche in seguito alla sconfitta elettorale alle recenti amministrative di Milano: Passera aveva prima annunciato la sua candidatura a sindaco, riempiendo di cartelloni la città con la scritta “Basta con la sinistra”, poi ad aprile aveva rinunciato decidendo di dare il suo appoggio a Stefano Parisi, il candidato del centrodestra che è stato sconfitto da Beppe Sala.

Italia Unica aveva raccolto finora circa 6mila iscritti in tutto il paese e aveva aperto 150 sedi, ma Passera ha detto che non confluirà in altri partiti. Passera ha comunque detto che sosterrà la campagna per il “No”, dicendo di essere contrario alla riforma costituzionale proposta dal governo.