(ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)
  • Italia
  • giovedì 25 agosto 2016

No, il governo non può destinare la vincita del SuperEnalotto al dopo-terremoto

È una proposta che sta girando da qualche ora, ma non è una cosa fattibile perché – per cominciare – il SuperEnalotto è gestito da un'azienda privata

(ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Nelle ore dopo il terremoto in centro Italia di mercoledì 24 agosto alcuni politici e alcuni cittadini hanno proposto al governo di bloccare il jackpot del SuperEnalotto per destinarlo agli sfollati ed alla ricostruzione del dopo-terremoto. Come ha scritto la Stampa il primo a fare la proposta è stato Antonio Boccuzzi, deputato del Partito Democratico, ma la proposta è stata ripresa anche da altri, tra cui per esempio Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia. Il fatto è che per il governo italiano è impossibile destinare il jackpot del SuperEnalotto – cioè il premio massimo che si può vincere giocando, quello che cresce se nessuno lo vince – a qualcuno che non ne sia il vincitore perché il SuperEnalotto «è un gioco d’azzardo gestito da SISAL, cioè da un’azienda privata».

In più quello tra SISAL e chi gioca al SuperEnalotto è un vincolo che si basa sulla garanzia di avere i soldi “promessi” in caso di vincita e come ha scritto la Stampa «chi ha scommesso lo ha fatto a delle condizioni e non può vedersi sottrarre quella somma di denaro». L’unica cosa che potrebbe eventualmente fare il governo sarebbe destinare ai fondi per il dopo terremoto la percentuale di ogni giocata e di ogni vincita che finisce in tasse. Il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta ha però spiegato che l’idea è «bella ma difficile da realizzare».

La sera del 25 agosto c’è stata una nuova estrazione del SuperEnalotto e nessuno ha vinto il jackpot, che al momento è di circa 130 milioni di euro: ha iniziato ad aumentare dal luglio 2015, giorno dell’ultimo “6”, il massimo risultato possibile quando si gioca al SuperEnalotto. La prossima estrazione sarà sabato sera.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.