(ANSA/ FABIO CAMPANA)
  • Italia
  • giovedì 23 giugno 2016

Stasera inizia uno sciopero dei treni: le cose da sapere

Durerà fino alle 21 di domani, in tutta l'Italia tranne Lazio, Calabria e Sicilia: ecco le informazioni utili

(ANSA/ FABIO CAMPANA)

Uno sciopero dei treni inizierà questa sera alle 21 e finirà domani sera, venerdì 24 giugno, sempre alle 21. Lo sciopero coinvolge i lavoratori di Trenitalia, di Ntv (la società che gestisce i treni Italo) e di Trenord (la società dei treni locali lombardi), e non riguarderà le regioni Lazio, Calabria e Sicilia.

Lo sciopero dei treni è stato proclamato dai sindacati Usb Lavoro Privato, Cat e Cub Trasporti per chiedere tra le altre cose l’abolizione della riforma Fornero delle pensioni e manifestare contrarietà alle ipotesi di privatizzazione di altre parti del gruppo Ferrovie dello Stato. Ecco le modalità dello sciopero così come le hanno comunicate Trenitalia, Trenord e Ntv.

Trenitalia

Alcuni treni a percorrenza nazionale (Frecciabianca e Intercity) subiranno cancellazioni o modifiche di orario: qui ci sono tutte le indicazioni. Per i treni regionali, saranno assicurati i servizi essenziali nelle cosiddette fasce di garanzia, dalle 6 alle 9 del mattino e dalle 18 alle 21. Sarà inoltre assicurato il collegamento tra l’aeroporto di Roma Fiumicino e la stazione Termini, con treni o autobus sostitutivi. Tutte le indicazioni si trovano sul sito di Trenitalia.

Trenord

Per questa sera Trenord garantisce la percorrenza dei treni che partono prima delle 21 e arrivano a destinazione entro le 22. Venerdì 24 giugno invece sono previste le fasce di garanzia dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21, durante le quali circoleranno i treni inseriti nella lista dei servizi minimi garantiti. I collegamenti non effettuati tra la stazione di Milano Cadorna e l’aeroporto di Malpensa potranno essere sostituiti da autobus.

Ntv

La società ha pubblicato sul suo sito una lista dei treni che circoleranno regolarmente.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.