(ANSA/GIUSEPPE LAMI)
  • Italia
  • giovedì 9 giugno 2016

A Roma lo scrutinio non è finito-finito

Alcuni seggi non sono riusciti a scrutinare in tempo le schede per i presidenti e consiglieri di municipio, e ora si rischia un piccolo guaio

(ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Domenica 5 giugno, insieme alle elezioni per il sindaco e il consiglio comunale, a Roma si sono svolte anche le elezioni per decidere i presidenti e i consigli di 14 dei 15 municipi in cui è divisa la città (a Ostia, il X municipio, non si è votato perché è commissariato). A oltre quattro giorni dal voto, però, non si conoscono ancora tutti i risultati delle elezioni per i presidenti e i membri dei consigli dei municipi. In almeno 26 delle 2.600 sezioni elettorali in cui è diviso il comune di Roma si sono verificati dei problemi negli scrutini, e i verbali ufficiali che dovevano essere compilati dai presidenti e dai segretari di seggio non sono stati consegnati completi.

Ogni municipio di Roma è diviso in sezioni, per un totale di 2.600 tra tutti i municipi. Ogni municipio elegge un presidente e 24 consiglieri: nel caso in cui il candidato presidente vincitore riceva oltre il 60 per cento dei voti, 15 consiglieri vanno alla maggioranza e 9 all’opposizione. Se invece riceve meno del 60 per cento dei voti (ma più del 50 per cento), la maggioranza ne ottiene 14 e l’opposizione 10. Dei 15 o 14 seggi della maggioranza, uno va al presidente eletto, mentre gli altri sono assegnati con una ripartizione proporzionale alle liste che sostenevano il candidato. Ogni lista assegna i seggi ai suoi candidati alla carica di consigliere che hanno ricevuto più preferenze.

I seggi elettorali domenica hanno chiuso alle 23, ed è cominciato allora lo spoglio dei voti a partire da quelli espressi per il consiglio comunale e il sindaco della città. Per legge lo scrutinio delle schede deve essere completato entro 12 ore, quindi entro le 11 di lunedì mattina. Il presidente del seggio deve poi compilare il verbale e inviarlo all’ufficio centrale elettorale, che nel caso di Roma è negli edifici della ex Fiera di Roma, in via Cristoforo Colombo. Qui i dati sui risultati elettorali di ogni seggio vengono caricati nel database ufficiale: prima si caricano i risultati delle elezioni comunali, poi quelle per i municipi. Il caricamento dei voti delle elezioni comunali è stato completato martedì pomeriggio. Sul sito del comune di Roma sono riportati i risultati elettorali di ogni municipio, ma come è scritto sul sito stesso non sono dati ufficiali, ma solo indicativi.

In almeno 26 sezioni però gli scrutatori non hanno fatto in tempo a scrutinare tutte le schede e non hanno compilato correttamente i verbali. Secondo il Messaggero, in certi casi il verbale non è stato proprio presentato, mentre in altri «i presidenti di sezione hanno scritto “operazione sospesa causa stanchezza, siamo impossibilitati ad andare avanti”; a volte mancano le firme». È probabile che i seggi in cui ci sono stati problemi siano un po’ di più: a quanto risulta al Post, sono 26 i seggi che non sono riusciti a completare nemmeno lo scrutinio delle elezioni comunali, e quindi sicuramente neanche quello delle elezioni municipali. È probabile però che ci sia qualche altro seggio che ha completato lo scrutinio delle comunali ma non quello delle elezioni dei municipi.

All’ufficio centrale in questi giorni si stanno ricontrollando i verbali per i quali sono state trovate anomalie: spiega Repubblica che «i responsabili verificano la regolarità dei verbali e la loro corrispondenza con le tabelle di scrutinio. In caso di discrepanze significative si cerca di sanare le irregolarità secondo i criteri di legge ma nei casi più gravi bisogno procedere a un nuovo spoglio». Sempre secondo Repubblica sono già state ricontate per intero le schede di due sezioni, una nel municipio XIII e un’altra nel municipio VIII.

In tutti i municipi di Roma si andrà al ballottaggio: nessun candidato ha superato il 50 per cento dei voti. Il ballottaggio si terrà il 19 giugno, insieme a quello delle comunali, ma entro venerdì 10 giugno devono essere proclamati i due candidati di ogni municipio che accedono al secondo turno, per stampare le nuove schede e preparare tutto il materiale necessario. I problemi riscontrati nelle sezioni che non hanno compilato correttamente il verbale, però, stanno ritardando alcune proclamazioni. Barbara Saltamarini, deputata della Lega Nord, ha spiegato al Messaggero: «Al II Municipio il nostro candidato presidente manca il ballottaggio per un migliaio di voti rispetto al secondo classificato. Bene, se dovessimo presentare ricorso al TAR per le schede contestate, si rischia di non fare in tempo a decidere e poi fare campagna elettorale entro il 19 giugno». Le sezioni che tuttora hanno problemi sono comunque poche (26 su 2.600, cioè l’1 per cento) e il Messaggero parla di un totale di 11mila voti mancanti: si crede che si riuscirà a risolvere i problemi in tempo. I voti in questione non possono cambiare il risultato delle elezioni comunali, ma potrebbero invece cambiare quelle dei presidenti e dei consiglieri di municipio.

Il problema principale, hanno spiegato al Post alcune persone che hanno seguito ai seggi le elezioni, è che per gli scrutatori, per il segretario e per il presidente dei seggi cominciare a lavorare allo spoglio delle schede alle 23, dopo aver tenuto aperti i seggi per 16 ore, è molto faticoso. Nei seggi di Roma in cui lo scrutinio è più breve ci vogliono comunque intorno alle 7 ore per chiudere le operazioni, ma in altri casi si impiegano tutte e 12 le ore disponibili. A complicare le cose c’è il fatto che scrutinare le schede degli elettori che hanno utilizzato il voto disgiunto – cioè lo strumento che consente di votare un candidato sindaco o il candidato a presidente di municipio di una lista e uno o due consiglieri di una lista che sostiene un altro candidato sindaco – è un processo lento e più complesso. Lo scrutinio delle elezioni nei municipi viene fatto dopo quello delle elezioni comunali: gli scrutatori quindi sono più stanchi, meno lucidi ed è più facile che facciano errori. Diversi testimoni hanno raccontato che lunedì mattina in alcune sezioni gli scrutatori si sono sentiti male per la stanchezza, e altri non sono proprio riusciti a rimanere svegli. Un altro problema è stato la poca preparazione dei responsabili di alcuni seggi, che non sono stati in grado di gestire il problema, come invece sono riusciti a fare quelli della stragrande maggioranza dei seggi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.