(ANSA/ GUIDO MONTANI)
  • Italia
  • sabato 28 maggio 2016

«Girone e Latorre non sono eroi»

Lo scrive Michele Serra su Repubblica, dicendo che dobbiamo essere contenti del loro ritorno ma dobbiamo evitare le "fanfare patriottarde" e "la pomposa ufficialità istituzionale"

(ANSA/ GUIDO MONTANI)

Michele Serra ha scritto sul numero di Repubblica di venerdì 27 maggio un editoriale in cui spiega come dovrebbe essere accolto il ritorno in Italia di Salvatore Girone, il fuciliere di marina accusato dal 2012 dell’omicidio di due pescatori indiani assieme al suo collega Massimiliano Latorre e da allora trattenuto agli arresti in India in attesa della risoluzione di una complicata vicenda giudiziaria. Serra spiega che bisogna essere contenti per il suo ritorno, e “discretamente affettuosi” nei suoi confronti, senza però trattarlo da eroe o da reduce di guerra: secondo Serra, i due fucilieri sono “due lavoratori travolti da un destino sanguinoso, per giunta sanguinoso a carico d’altri”, e quindi andrebbero evitate “fanfare” e “la pomposa ufficialità istituzionale purtroppo intuibile da alcune dichiarazioni governative”.

Il marinaio Salvatore Girone ritorna in Italia, raggiungendo il suo compagno di sventura Massimiliano Latorre già rimpatriato per ragioni di salute. È una bella notizia e un indubbio successo del governo italiano, specie del ministro degli Esteri Gentiloni.

Ma il modo con il quale Girone sarà accolto non è un dettaglio; e anzi potrà dirci parecchio sulle persone che ci governano e più in generale sull’equilibrio psicologico del nostro Paese, della nostra comunità politica e della nostra comunità mediatica. Girone e Latorre non sono eroi e non sono prigionieri di guerra. Sono militari italiani imputati dalle autorità indiane di avere, per un tragico equivoco, ucciso due pescatori scambiandoli per pirati. E’ successo nel corso del loro difficile compito di sorveglianza di una nave commerciale.

(Continua a leggere sul sito di Repubblica)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.