Il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi ospite della trasmissione ''In mezz'Ora' (ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Cosa ha detto Maria Elena Boschi sui partigiani e la riforma costituzionale

«Dentro ANPI ci sono molti partigiani, quelli veri, che hanno combattuto la Resistenza, non le generazioni successive, che votano sì alla riforma»

Il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi ospite della trasmissione ''In mezz'Ora' (ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Maria Elena Boschi,  la ministra per le Riforme, domenica pomeriggio è stata intervistata da Lucia Annunziata su Rai3 nel corso della trasmissione In mezz’ora. Boschi ha parlato principalmente del referendum sulla riforma costituzionale del prossimo autunno e ha aggiunto che, in caso di vittoria del no, lei e Matteo Renzi si dimetterebbero. Difendendo i contenuti della riforma, Boschi ha fatto riferimento anche alle critiche ricevute dall’ANPI, l’associazione nazionale dei partigiani, e ha detto che:

ANPI sicuramente come direttivo nazionale ha preso una linea, poi dentro ANPI ci sono molti partigiani, quelli veri, che hanno combattuto la Resistenza, non le generazioni successive, che votano sì alla riforma.

Le parole di Boschi sono state molto criticate dai contrari al referendum e dalla minoranza del PD, tra cui anche l’ex segretario del Partito Democratico Pierluigi Bersani, che ha scritto su Facebook questo post.

La posizione dell’ANPI sulla riforma costituzionale è stata spiegata dal presidente Carlo Smuraglia con questa lettera all’Unità, tra le altre cose, dopo essere stata approvata dal comitato direttivo dell’associazione con tutti voti favorevoli e tre astensioni. La decisione ha creato comunque una vivace discussione tra gli iscritti all’ANPI (che ovviamente sono in gran parte non partigiani: l’associazione è aperta a tutti i simpatizzanti) sul merito della posizione e sul modo in cui è stata presa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.