Il candidato sindaco del centrosinistra a Milano, Giuseppe Sala (ANSA/MOURAD BALTI TOUATI)
  • Italia
  • venerdì 20 maggio 2016

I sondaggi di Repubblica sulle amministrative

Aiutano a farsi un'idea di come vanno le cose a Roma, Milano, Napoli, Torino e Bologna; da domani non si possono più diffondere

Il candidato sindaco del centrosinistra a Milano, Giuseppe Sala (ANSA/MOURAD BALTI TOUATI)

Il prossimo 5 giugno in Italia ci saranno le elezioni amministrative: si voterà in molti grossi comuni – Roma, Milano, Torino, Napoli e Bologna – e in tutto dovranno eleggere il sindaco e il consiglio comunale 1.368 comuni, tra cui 26 capoluoghi di provincia. Oggi Repubblica ha pubblicato dei sondaggi realizzati tra il 9 e il 18 maggio dalla società Demos&Pi che danno un’idea di come possa essere – a fidarsi dei sondaggi – la situazione nelle cinque città più importanti dove si andrà a votare. A Roma, forse la città che ha avuto la campagna elettorale più disordinata fin qui, è in testa la candidata del Movimento 5 Stelle Virginia Raggi, e molto indietro Alfio Marchini; a Napoli è dato in grande vantaggio Luigi De Magistris (che nelle ultime settimane è stato parecchio su di giri) e a Torino Piero Fassino; a Bologna Virginio Merola sarebbe vicino a evitare il ballottaggio. Il risultato più incerto, a due settimane dal voto, sembra essere quello di Milano, dove Giuseppe Sala del centrosinistra è di poco in vantaggio sul candidato del centrodestra, Stefano Parisi. La legge prevede che non si possano diffondere sondaggi nei 15 giorni che precedono il voto, quindi questi sono gli ultimi che possono essere ufficialmente pubblicati, anche se internet ha un po’ scombussolato questi rigori negli anni passati.

Roma
– Primo turno:
Virginia Raggi 
(Movimento 5 Stelle) 30,5%
Roberto Giachetti
 (Partito Democratico) 24,5%
Giorgia Meloni
 (Fratelli d’Italia, Lega Nord) 23,1%
Alfio Marchini
(Forza Italia) 11,4%
Stefano Fassina
(Sinistra Italiana) 8,1%
– Al ballottaggio:
Virginia Raggi vs. Roberto Giachetti: 54,2 – 45,8
Virginia Raggi vs. Giorgia Meloni 56,7 – 43,3
Roberto Giachetti vs. Giorgia Meloni 50,4 – 49,6

Milano
– Primo turno:
Giuseppe Sala
(Partito Democratico) 39,2%
Stefano Parisi
(Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia) 35,8%
Gianluca Corrado
(Movimento 5 Stelle) 13,3%
Basilio Rizzo
(Sinistra Italiana, Possibile) 7,1%
– Al ballottaggio:
Giuseppe Sala vs. Stefano Parisi: 54,1 – 45,9

Torino
– Primo turno:
Piero Fassino, sindaco uscente (Partito Democratico) 42,5%
Chiara Appendino
(Movimento 5 Stelle) 23,1%
Osvaldo Napoli (Forza Italia) 9,9%
Roberto Rosso
(Udc) 7,5%
Alberto Morano
(Fratelli d’Italia, Lega Nord) 7,5%
Giorgio Airaudo
(Sinistra Italiana) 7,3%
– Al ballottaggio:
Piero Fassino vs. Chiara Appendino: 56,8 – 43,2

Bologna
– Primo turno
Virginio Merola, sindaco uscente (Partito Democratico) 49,8
Lucia Borgonzoni (Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega Nord) 17,7
Massimo Bugani (Movimento 5 Stelle) 16,5
Manes Bernardini (ex Lega Nord) 10,3
Federico Martelloni (SEL, Possibile) 4,7
– Al ballottaggio
Virginio Merola vs. Lucia Borgonzoni 67,6 – 32,4
Virginio Merola vs. Massimo Bugani 65,7 – 34,3
Virginio Merola vs. Manes Bernardini 67,2 – 32,8

Napoli
Primo turno:
Luigi De Magistris, sindaco uscente (Sinistra Italiana, Italia dei Valori, Possibile) 42,1%
Gianni Lettieri (Forza Italia) 19,7%
Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle) 17,3%
Valeria Valente (Partito Democratico) 16,4%
Marcello Taglialatela (Fratelli d’Italia) 4,1%
Al ballottaggio:
Luigi De Magistris vs. Matteo Brambilla 64.9 – 35,1
Luigi De Magistris vs. Gianni Lettieri 62,9 – 37,1
Luigi De Magistris vs. Valeria Valente 63,5 – 36,5

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.