(GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images)

Papa Francesco su chi si preoccupa di più degli animali che delle persone

Ha spiegato che non va bene dedicare così tante attenzioni a cani e gatti se si trascura «la fame del vicino»

(GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images)

Nella mattina di sabato 14 maggio Papa Francesco ha tenuto in Piazza San Pietro un’udienza giubilare – uno dei tanti eventi del Giubileo straordinario iniziato a dicembre – in cui ha anche parlato dei casi in cui certe persone sembrano essere interessate di più ai loro animali domestici che alle altre persone. Papa Francesco ha detto:

Ma quante volte vediamo gente tanto attaccata ai gatti, ai cani, e poi lasciano senza aiutare la fame del vicino, della vicina. No, no.

Repubblica scrive che nel 2014 Papa Francesco disse che «ci sono cose che a Gesù non piacciono: i matrimoni sterili per scelta, che non vogliono i figli, che vogliono rimanere senza fecondità», spiegando che per certe coppie risultava forse più comodo avere animali domestici anziché figli. Sempre nel 2014 girò molto una frase attribuita a Papa Francesco secondo cui anche gli animali avrebbero la possibilità di accedere al Paradiso cui credono i cristiani, al pari degli esseri umani. Non ci sono però video o conferme ufficiali di quella frase e, comunque, la questione che riguarda gli animali e il paradiso cristiano è molto complicata.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.