Ada Colau dopo la vittoria elettorale nel maggio del 2015 con cui è diventata sindaco di Barcellona (David Ramos/Getty Images)

“Non credo uscirà qualcosa di utile per l’Italia dal M5S”

Lo ha detto Joan Subirats, che con Ada Colau ha fondato la formazione di politica partecipativa “Barcelona en Comù” in Spagna

Ada Colau dopo la vittoria elettorale nel maggio del 2015 con cui è diventata sindaco di Barcellona (David Ramos/Getty Images)

Sulla Stampa di oggi, Jacopo Jacoboni ha intervistato Joan Subirats – l’ideologo e il fondatore con Ada Colau di “Barcelona en Comù”, formazione di politica partecipativa dal basso che ha portato Colau a diventare sindaco di Barcellona – chiedendogli valutazioni e previsioni sul ritorno al voto in Spagna il prossimo 26 giugno, dopo che per mesi i partiti politici hanno tentato senza successo di formare una maggioranza per governare il paese. L’esperienza di “Barcelona en Comù” è stata talvolta paragonata a quella del Movimento 5 Stelle in Italia, ma a una domanda sul tema, Subirats non ha nascosto la sue delusione per come sono andate le cose:

All’inizio li guardavamo con simpatia, anche se con prudenza, da lontano. Uno dei loro dirigenti, Di Battista, aveva avuto contatti con gli indignados del 15M. S’era diffusa questa idea che il M5S fosse stato capace di cambiare le basi della politica, soprattutto nell’uso della rete, in un empowerment della cittadinanza. Abbiamo visto che invece sono una forza top-down, guidata dall’alto, oltretutto da un’azienda. E hanno contraddizioni enormi, per esempio sull’immigrazione sono quasi leghisti. Non credo ne uscirà qualcosa di utile per l’Italia o per noi.

Colau è sindaco di Barcellona dal maggio del 2015, quando ha vinto le amministrative con la coalizione “Barcelona en Comù”, appoggiata da diversi movimenti e formazioni politiche di sinistra Podemos compreso. Ha battuto il sindaco uscente nazionalista catalano Xavier Trias, che cinque anni fa aveva vinto con i socialisti, passati dall’essere il secondo partito della città al quinto. Colau fa parte della “Piattaforma vittime del mutuo” (PAH), nata dal movimento dei cosiddetti “Indignados”, e famosa per la sua proposta di una legge di iniziativa popolare per facilitare l’estinzione dei debiti dei cittadini alle prese con la crisi economica.