• Moda
  • mercoledì 27 aprile 2016

I migliori video di moda in circolazione

Scelti da Business of Fashion: ci sono gli skater di Supreme, Sophia Loren in Dolce & Gabbana, Gigi Hadid e Kendall Jenner

Come a ogni nuova stagione, la rivista di moda Business of Fashion (BoF) ha messo insieme un elenco coi 10 migliori video pubblicati di recente dalle case di moda (sul Post avevamo già mostrato qui quelli dello scorso autunno). L’elenco non comprende il “visual album” del nuovo disco di Beyoncé, Lemonade, di cui moltissime riviste hanno scritto per via degli abiti scelti dalla stylist Marni Senofonte, dato che si tratta di un progetto per prima cosa musicale e solo in secondo luogo legato alla moda. Secondo BoF i video di Lemonade sono comunque esemplari e mostrano che si può parlare di moda sperimentando con il formato video e associandolo alla musica. Secondo l’azienda di informatica Cisco, entro il 2019 l’80 per cento del traffico su Internet riguarderà prodotti video e per questo, scrive BoF, le case di moda dovrebbero investire di più per realizzarli. Finora la produzione è stata poco frequente perché le aziende continuano a investire in pubblicità tradizionali, quelle stampate su riviste o cartelloni. Tuttavia alcuni marchi hanno iniziato a pubblicare video interessanti e questi, secondo Business of Fashion, sono i migliori degli ultimi mesi.

10. Outlaw Moscow

Il cortometraggio Outlaw! è stato realizzato dallo stilista Maksim Bashkaev, cofondatore della casa di moda russa Outlaw Moscow. Il video mostra alcuni ragazzi russi che esplorano Mosca da mattina a sera e cercano di distinguersi nella folla; una delle protagoniste, ad esempio, indossa un lungo cappotto rosa e un rossetto molto scuro. E poi ci sono una cantante lirica, un planetario, una Trabant e degli smartphone.

9. Louis Vuitton

Il breve video The Never Ending Story (dura un minuto e mezzo) è già stato visto 10 milioni di volte su YouTube. Racconta cinque generazioni della storia della casa di moda francese in uno stile che ricorda quello del regista Wes Anderson: inizia col viaggio di Louis Vuitton verso Parigi a soli 14 anni, poi si vede una Torre Eiffel fatta di quei bauli. La voce narrante del video parla in rima.

8. Vogue

Nell’ottavo video ci sono Gigi Hadid e Kendall Jenner a un elegantissimo pigiama party all’Hotel Plaza di New York: realizzato dalla regista Cass Bird per l’edizione americana della rivista Vogue, mostra i vestiti della collezione di alta moda primavera-estate 2016 di Chanel. La colonna sonora è una canzone di Grimes, Kill V. Maim.

7. Kenzo

Nella scorsa lista di bei video di moda, Business of Fashion aveva messo al primo posto uno di Kenzo; anche in questo elenco ce n’è uno, dedicato alla collezione primavera-estate 2016: si intitola Snowbird, è lungo quasi 12 minuti, ed è stato girato con un iPhone dal regista e sceneggiatore Sean Baker. Racconta la storia di una ragazza di nome Theo (interpretata da Abbey Lee Kershaw) che prepara una torta e la condivide con altre persone che fanno parte di una strana comunità nel deserto di Sonora; è stato girato a Slab City, un isolato campeggio 250 chilometri a nord-est di San Diego.

6. Adidas

Il video realizzato dal regista Terence Neale per Adidas è molto più breve. I suoi protagonisti, filmati tutti di spalle fino al finale, sono alcuni personaggi famosi, come il modello Luka Sabbat e il giocatore di basket Iman Shumpert: camminano verso il futuro (rappresentato con una scritta) muovendosi attraverso un panorama di personaggi violenti o intenti a farsi selfie come automi.

5. Nicopanda

Nel video per la collezione primavera-estate 2016 di Nicopanda (marchio personale di Nicola Formichetti, direttore creativo di Diesel) due squadre di ragazzi, vestiti senza tener conto di alcuno stereotipo di genere, si sfidano in una battaglia a passi di danza. È stato girato dalla regista Christelle de Castro.

4. Dolce & Gabbana

È un video dedicato al nuovo profumo di Dolce & Gabbana, Dolce Rosa Excelsa. Protagonista del video è Sophia Loren che interpreta una signora siciliana impegnata nel restauro di una grande villa, Villa Valguarnera, a Bagheria. Il video è stato girato da Giuseppe Tornatore mentre la colonna sonora è di Ennio Morricone. Business of Fashion ha apprezzato in particolare Loren che si rimbocca le maniche per aiutare e dirigere gli operai (che a un certo punto si spruzzano l’acqua addosso gli uni gli altri con dei tubi di gomma).

3. Gucci

Lo stilista Alessandro Michele ha ambientato il video per la collezione primavera-estate 2016 di Gucci a Berlino, tra una stazione della metropolitana e il tetto dell’Hotel Maritim. Gli abiti hanno colori accesi, sono ispirati agli anni Settanta e hanno anche riferimenti al film del 1981 Christiane F. – Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino tratto dal libro omonimo. La regia è del fotografo Glen Luchford, mentre la colonna sonora è Goodbye Horses della cantante Q Lazzarus.

3. Calvin Klein

Anche nel video per la collezione primavera-estate 2016 di Calvin Klein compaiono molti personaggi famosi, tra cui Justin Bieber, Kendall Jenner (di nuovo), il rapper Kendrick Lamar e la cantante FKA Twigs: tutti indossano solo abbigliamento intimo. Il video, girato da Tyrone LeBon, è una sorta di citazione della campagna pubblicitaria del 1994 per il profumo CK One, in cui apparivano Kate Moss, allora ventenne, e Jenny Shimzu.

1. Supreme

In cima alla lista di video selezionati da Business of Fashion c’è Pussy Gangster, realizzato per Supreme dal regista William Strobeck. Ambientato a Parigi (Supreme ha appena aperto il suo primo negozio monomarca nella città) in Place de la République, mostra la vita di un gruppo di skater: la qualità delle riprese lo fa sembrare un video documentario, ma in realtà i ragazzi che compaiono nel video sono skater famosi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.