• Moda
  • martedì 26 Aprile 2016

La moda nel video di “Lemonade”, il nuovo disco di Beyoncé

I vestiti non sono di un unico stilista come accade di solito, sono tantissimi, diversi tra loro, e secondo gli esperti influenzeranno le prossime sfilate

Nella notte tra il 23 e il 24 aprile Beyoncé ha pubblicato il suo nuovo disco, Lemonade. Se ne parla perché è arrivato a sorpresa, perché in una delle canzoni Beyoncé parla di un tradimento del marito Jay-Z e perché Lemonade è accompagnato da uno speciale di 60 minuti andato in onda su HBO: un “visual album”, cioè una serie di 12 video musicali. Oltre a Beyoncé, vi compaiono molte donne, tra cui le attrici Amandla Stenberg, Zendaya e Quvenzhané Wallis (protagonista del film Re della terra selvaggia), e la tennista Serena Williams. Come tutte le apparizioni di Beyoncé – che sia un video, un’esibizione o una copertina – Lemonade è un evento importante anche nel mondo della moda, e siti, blogger e riviste hanno già commentato ampiamente i numerosi abiti e le scelte stilistiche di Beyoncé. Una delle opinioni più interessanti è quella di Vanessa Friedman, che si occupa di moda per il New York Times e che ha scritto Lemonade è “Anti-Coachella”: Beyoncé non si è mai adattata ai dettami della moda, come invece accade per gli artisti e il pubblico del Coachella, uno dei più importanti festival musicali americani, famoso per lo stile ormai stereotipato, fatto di coroncine di fiori e piume, abiti bianchi e occhiali da sole appariscenti.

Nei video di Lemonade compaiono abiti di molti marchi famosi, come Roberto Cavalli, Saint Laurent, Hood by Air e Yeezy, ma a differenza di altre cantanti (Adele con Burberry, Florence Welch dei Florence and the Machine con Gucci) Beyoncé non si è associata a un’unica casa di moda: aiutata dalla stylist Marni Senofonte ha fatto scelte molto eclettiche per esprimere al meglio il mondo del disco. Mentre il Coachella sembra ormai associato più alla moda che alla musica e per questo sembra un evento pubblicitario più che musicale, scrive Friedman, Beyoncé si distingue perché ha messo la moda al servizio del suo lavoro di musicista e non il contrario.

Sulle riviste di moda si è parlato degli abiti che compaiono nel video. Non tutti sono realizzati da case di moda famose e di alcuni non si conosce ancora lo stilista che li ha realizzati. Molti sono ispirati allo stile vittoriano, spesso mescolato a stampe africane e simboli tribali; le decorazioni sul viso di Beyoncé in alcune scene sono opera dell’artista nigeriano Laolu Senbanjo.

(Dentro ogni immagine ci sono informazioni sugli abiti indossati da Beyoncé nel “visual album”)

Vanessa Friedman scrive che nei video di Lemonade gli abiti «sono al servizio della donna, come dovrebbe sempre essere per la moda» e aggiunge che è possibile che nelle sfilate delle prossime stagioni ci saranno abiti in stile vittoriano, in un’inversione del modo in cui spesso le tendenze si diffondono.