Altri risorti, oltre a Quello famoso

16 libri su morti che ritornano: zombie, principesse avvelenate, eroici pirati e rockstar immortali

di Giacomo Papi – @giacomopapi

A volte ritornano, ma adesso ritornano spesso. È un’epidemia di zombie, rinati, walking dead e revenants. Dopo alcuni decenni dormienti seguiti alla Notte dei morti viventi di George Romero del 1968, il genere sta infettando anche i classici. Tra qualche mese anche in Italia uscirà Orgoglio e pregiudizio zombie di Seth Grahame-Smith. Negli ultimi tempi i risorti sono così tanti che per i vivi comincia a non esserci più spazio. (Perfino io, nel mio piccolo, in un romanzo ho immaginato che ritornassero a ondate tutti gli esseri umani vissuti dalla notte dei tempi – siamo stati circa 90 miliardi – e che fossero più spaesati di noi).

Il ritorno dalla morte è un tema antico, presente nel mito e nelle fiabe di ogni cultura, da molti secoli prima che intorno alla resurrezione il Cristianesimo edificasse la propria religione. La differenza tra i risorti di una volta e quelli di oggi, è che quelli di oggi fanno più paura. I rinati moderni sono più aggressivi e minacciosi. Sono loro i nemici. Un tempo i morti e le morte tornavano perché vinti dall’amore, per baciare ancora una volta quelli che amavano oppure per ammonire i vivi sulla vanità della vita o ancora perché erano eroi così grandi che neppure la morte poteva sconfiggerli. Facevano paura, ma provocavano anche meraviglia. Riportavano alla vita lo stupore che qualcosa potesse non finire. I morti del giorno d’oggi, invece, sono animati – o rianimati? – da un’unica smania: uccidere i vivi, preferibilmente mangiandoseli.

In questa galleria di rinati ignoriamo i vampiri – che in quanto non-morti non se ne sono mai andati e quindi non possono tornare – e anche Gesù, almeno il suo primo ritorno, perché in questi giorni è già abbastanza celebrato. In compenso celebriamo il ritorno di meravigliose fanciulle, eroici pirati, zingari in Amazzonia, antichi villaggi germanici, aristocratici polacchi, sepolte vive, principesse avvelenate, semi-vivi e rockstar immortali. Ci sono spoiler. Buona Pasqua.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.