Un momento dell'operazione antiterrorismo a Molenbeek, Bruxelles (APTN via AP)
  • Mondo
  • venerdì 18 marzo 2016

Salah Abdeslam è stato arrestato

Il principale ricercato tra gli attentatori di Parigi è stato trovato a Molenbeek, un quartiere di Bruxelles, durante una grossa operazione antiterrorismo

Un momento dell'operazione antiterrorismo a Molenbeek, Bruxelles (APTN via AP)

Venerdì a Molenbeek, un quartiere di Bruxelles, c’è stata una grande operazione antiterrorismo nella quale è stato ferito e arrestato Salah Abdeslam, il principale ricercato per gli attentati di Parigi, insieme ad altre quattro persone. La notizia è stata confermata dal ministro della Giustizia belga e dal primo ministro belga Charles Michel che ha tenuto una conferenza stampa con il presidente francese Hollande alle 20.

Le autorità del Belgio hanno confermato oggi che tracce del DNA di Abdeslam – francese nato a Bruxelles – sono state trovate in un appartamento di Bruxelles perquisito martedì. Salah Abdeslam è l’unico sopravvissuto tra gli attentatori di Parigi ed è sospettato di aver gestito la logistica degli attacchi. La carta di credito di Abdeslam era stata utilizzata dal 12 novembre per prendere in affitto due camere nel residence di Alfortville (considerato uno degli appartamenti dove i terroristi avevano dormito), la Polo che aveva usato il commando del Bataclan e la Clio che era stata trovata in piazza Albert-Kahn, nel diciottesimo arrondissement di Parigi e che risultava sempre legata agli attentati.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.