(Oli Scarff/Getty Images)

Il nuovo servizio di Google per organizzare le vacanze

Si chiama Destinations e serve per cercare posti, voli e hotel direttamente dal motore di ricerca sullo smartphone, senza aprire mille siti

(Oli Scarff/Getty Images)

Google ha aggiunto al suo motore di ricerca “Destinations” (“Destinazioni”), un nuovo servizio che serve per organizzare una vacanza direttamente dal proprio smartphone cercando informazioni su luoghi, sistemazioni e trasporti. Google Destinations aiuta a trovare una meta e dà informazioni sui giorni migliori per fare il viaggio e su quali spese si devono tenere in considerazione.

Il nuovo servizio si attiva automaticamente aggiungendo “destinazioni” dopo il nome di un continente o di uno stato su Google, mentre si fa una ricerca da smartphone. in testa alla pagina dei risultati viene mostrato un elenco delle possibili destinazioni, con l’indicazione dei principali luoghi d’interesse, il prezzo medio dei voli per raggiungere la meta e quello della sistemazione in albergo o con altre soluzioni.

google-destinations-1

Le informazioni sono raccolte tutte in un’unica pagina, con sezioni che si aggiornano da sole man mano che si affina la propria ricerca. Ci sono diversi filtri per migliorare i risultati: si può decidere per esempio di organizzare un viaggio con date flessibili, oppure con un intervallo esatto di giorni. Un grafico mostra l’andamento dei prezzi dei voli e degli hotel, in modo da identificare più facilmente le offerte migliori. Google Destinations indica anche com’è il clima nella propria meta a seconda dei periodi dell’anno, mentre un’altra scheda aiuta a capire se si è scelta una destinazione più o meno affollata nei giorni indicati.

google-destinazioni-2

Google Destinations sfrutta in parte due servizi già disponibili da tempo sul motore di ricerca: Ricerca voli, per trovare i biglietti aerei, e Ricerca hotel, per le offerte sulle sistemazioni in varie parti del mondo. I filtri del nuovo servizio permettono di scegliere il tipo di albergo, il numero di scali che si è disposti a fare e il numero di partecipanti al viaggio.

Google ha anche pensato a chi non ha un’idea precisa di come organizzare la sua vacanza. Se per esempio nella ricerca si scrive “escursioni in Francia” o “sciare in Austria”, la pagina dei risultati mostra proposte di vario tipo sulle destinazioni, gli alberghi da prenotare e i trasporti da utilizzare per raggiungere la meta offerta. Anche in questo caso la ricerca può essere affinata inserendo le date e altri dettagli.

google-destinazioni-3

Il nuovo Google Destinations rientra nei piani di Google di rendere il suo motore di ricerca un sistema per fare direttamente le cose, non solo per cercarle. Nel corso degli anni, l’azienda ha aggiunto diversi sistemi di questo tipo per avere informazioni direttamente nelle pagine dei risultati per le cose pratiche, senza dovere andarle a cercare all’interno delle pagine elencate con i classici link. Da tempo si possono fare calcoli direttamente su Google, avere informazioni sul meteo, scoprire l’età di personaggi famosi o scoprire chi è il re della Svezia (Carlo XVI Gustavo Bernadotte, naturalmente).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.