Le cose che puoi chiedere a Google

Dall'età dei personaggi famosi alla grandezza dei pianeti, dai nomi dei figli di Brad Pitt a quello che danno al cinema: e risponde lui, senza cliccare altrove

Google cambia continuamente, e non solo il modo in cui organizza i propri indici e dà maggiore o minore rilievo ai siti. Negli ultimi anni il motore di ricerca più usato al mondo è diventato molto rapido nel dare le risposte e, soprattutto, nel darle direttamente nella propria pagina dei risultati, senza la necessità di andarle a cercare all’interno dei siti. Un’enorme quantità di informazioni è accessibile semplicemente chiedendo le cose a Google, anche con un linguaggio colloquiale e in modi simili a come chiederemmo un suggerimento a un amico.

Gli sviluppatori del motore di ricerca hanno in più occasioni spiegato che un giorno Google farà le cose ancora più naturalmente, rispondendo alle ricerche vocali come farebbe un essere umano. L’idea è creare un motore di ricerca che si comporti come quello leggendario di Star Trek, ma la strada da fare è ancora lunga. Molte delle nuove funzioni di Google sono spesso scoperte per caso e, soprattutto i meno assidui di Internet, non conoscono diverse scorciatoie che rendono più semplici e immediate le ricerche. Ne abbiamo messe insieme una selezione, comprese alcune sorprendenti. E per mettere alla prova la resistenza di quelli che “ah ma questa già la sapevo”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.