Michael Bloomberg ha detto che non si candiderà alla presidenza degli Stati Uniti

L’ex sindaco di New York Michael Bloomberg ha spiegato su Bloomberg View che non si candiderà alla presidenza degli Stati Uniti, una decisione che aveva rimandato da tempo. «Quando guardo i sondaggi mi è chiaro che se mi candido non posso vincere. Credo di potermi aggiudicare alcuni Stati, che non saranno abbastanza per vincere i 270 voti necessari per aggiudicarmi la presidenza». «Per come stanno ora le cose, con i repubblicani al comando di Camera e Senato, c’è una buona possibilità che la mia candidatura faciliti l’elezione di Donald Trump o del senatore Ted Cruz. Non è un rischio che posso correre con leggerezza».

Bloomberg ha criticato Trump per aver organizzato la campagna elettorale «più divisiva e demagogica che ricordi» facendo appello «ai pregiudizi e alla paura delle persone». Ted Cruz a sua volta «può mancare degli eccessi retorici di Trump ma non è meno estremista».

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.