L'Hallenstadion di Zurigo (Walter Bieri/Keystone via AP)
  • Sport
  • venerdì 26 febbraio 2016

La diretta streaming del congresso straordinario della FIFA

È iniziato il congresso straordinario della FIFA che eleggerà il successore di Sepp Blatter

L'Hallenstadion di Zurigo (Walter Bieri/Keystone via AP)

Questa mattina è cominciato il congresso straordinario della FIFA, presieduto dal presidente ad interim Issa Hayatou. Il congresso si tiene all’Hallenstadion di Zurigo, in Svizzera, un impianto multifunzionale usato anche per concerti e manifestazioni sportive. L’impianto ospita circa 680 delegati dei 207 stati membri che parteciperanno alle elezioni e 300 ospiti. Il congresso è tradotto in sei diverse lingue: inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo e arabo. L’ordine del giorno prevede dodici punti e l’elezione del presidente è il penultimo, quindi inizierà nel primo pomeriggio: prima si discuterà dell’introduzione di alcune importanti riforme alla struttura e all’organizzazione della FIFA, che sono state proposte dopo gli scandali che negli ultimi anni hanno coinvolto l’organizzazione, e del reintegro di Kuwait e Indonesia, due nazioni tuttora sospese dall’organizzazione per via delle interferenze dei governi nazionali nelle amministrazioni delle due federazioni. La diretta streaming del congresso è iniziata alle 8 ed è trasmessa dal sito e dal canale YouTube della FIFA.

Le modalità di voto

Le elezioni del presidente della FIFA sono iniziate dopo le 13, si svolgono con voto segreto e hanno diritto di voto 207 delle 209 federazioni calcistiche nazionali che fanno parte della FIFA (Indonesia e Kuwait sono sospese e non parteciperanno alle votazioni). Le 207 federazioni sono divise in sei diverse confederazioni, che corrispondono a sei diverse aree geografiche continentali: la AFC (Asia e Australia), la CAF (Africa), la UEFA (Europa), la CONCACAF (America centrale, caraibica e del nord), la CONMEBOL (America del sud) e la OFC (Oceania, esclusa l’Australia). Perché un candidato diventi presidente alla prima votazione sono necessari i due terzi dei voti (138), mentre dalla seconda in poi è sufficiente una maggioranza semplice, cioè 104 voti. Dalla seconda votazione inoltre, se ci saranno più di due candidati in corsa e nessuno di loro riuscisse ad ottenere la maggioranza semplice, il candidato con meno voti verrà escluso e non parteciperà alla votazione successiva. Qui tutto quello che c’è da sapere sul congresso e i cinque candidati, Gianni Infantino, Salman bin Ebrahim Al Khalifa, Ali bin al-Hussein, Jérôme Champagne e Tokyo Sexwale: quest’ultimo si è ritirato prima dell’inizio della prima votazione.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.