Il momento dell'apertura al pubblico di Amazon Books, la sola libreria fisica di Amazon che si trova a Seattle, 3 novembre 2015. (AP Photo/Elaine Thompson)

Amazon dice che non intende aprire 300 librerie fisiche

La notizia del Wall Street Journal non ha trovato conferme, anzi, ma intanto Amazon ha pubblicato alcune offerte di lavoro per commessi e librai

Il momento dell'apertura al pubblico di Amazon Books, la sola libreria fisica di Amazon che si trova a Seattle, 3 novembre 2015. (AP Photo/Elaine Thompson)

A partire da martedì è circolata online una notizia secondo cui Amazon starebbe per aprire tra le 300 e 400 librerie – librerie fisiche – dopo l’inaugurazione a novembre di Amazon Books, la prima e unica libreria del gruppo, a Seattle. La notizia è stata data inizialmente dal Wall Street Journal, che ha riportato quanto detto da Sandy Mathrani, amministratrice delegata di General Growth Properties (GGP), una società che gestisce centri commerciali in tutti gli Stati Uniti. Mathrani stava presentando i nuovi piani di sviluppo della sua azienda durante una conference call interna quando ha detto che «il loro [di Amazon, n.d.r.] obiettivo è aprire, per quel che ho capito, dalle 300 alle 400 librerie». Mercoledì un portavoce di GGP ha detto che quanto detto da Mathrani non «rappresenta i progetti di Amazon»; Amazon, contattata più volte dalla stampa, non ha mai confermato la notizia e ha anzi detto di non voler commentare «pettegolezzi e congetture». Della faccenda si è occupato anche il New York Times: secondo una sua fonte che ha chiesto di restare anonima, il progetto di Amazon di aprire nuove librerie esiste ma molto più contenuto.

La notizia era stata rapidamente ripresa e commentata dai giornali di tutto il mondo, soprattutto perché molti considerano contraddittoria la strategia di Amazon di puntare su librerie fisiche dopo aver abituato le persone a comprare online quello che gli serve, dai libri alla spesa. Molti hanno comunque fatto notare che martedì Amazon aveva pubblicato su Linkedin alcuni annunci di lavoro per librari relativi alla zona di San Diego/La Jolla, in California. Si tratta in particolare di cinque figure: responsabile di negozio e relativi assistenti, librario, commesso, e venditore del reparto di elettronica. Ai commessi viene richiesto, tra le altre cose, di avere una laurea in letteratura o in amministrazione, di essere appassionati di libri, in grado di sollevare 20 chili e di restare in piedi otto ore di seguito. L’annuncio fa quindi pensare che Amazon stia progettando di aprire una o più librerie nella zona, ma un suo portavoce ha ribadito che l’unica libreria fisica ufficiale è quella di Seattle.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.