Una Toyota FJ Cruiser in vendita in Australia (WILLIAM WEST/AFP/Getty Images)
  • Auto
  • mercoledì 27 gennaio 2016

Qual è l’auto più venduta al mondo del 2015?

È un nome che esiste dal 1966 ma che da noi è sparito da un po' (e la più venduta in Europa? E negli Stati Uniti? E in Cina?)

di Andrea Fiorello – @andreafiorello
Una Toyota FJ Cruiser in vendita in Australia (WILLIAM WEST/AFP/Getty Images)

Anche se ha fatto segnare la crescita più bassa dal 2010, il 2015 è stato un anno importante per il mercato automobilistico globale: secondo le stime degli analisti di IHS Automotive, l’anno scorso le vendite mondiali di auto nuove hanno raggiunto un totale di circa 87,5 milioni di unità, in aumento dell’1,15 per cento rispetto al 2014 e ai livelli più alti di sempre. Tra i principali paesi emergenti – i cosiddetti BRICs – sono cresciuti Cina (+7,3 per cento, 21,1 milioni di unità) e India (+9,8 per cento, 2,03 milioni di unità), mentre le sanzioni economiche internazionale hanno fatto crollare il mercato della Russia, che nel 2015 ha perso il 36 per cento fermandosi a 1,6 milioni di auto vendute. La recessione economica ha pesato anche sul risultato del Brasile, dove le vendite di auto nuove sono diminuite del 25,6 per cento a 2,47 milioni di unità: una perdita in termini assoluti di oltre 850mila auto rispetto al 2014.

Il 2015 è stato un anno negativo anche per il Giappone, terzo mercato nazionale dopo Cina e Stati Uniti, dove le vendite di auto nuove sono diminuite del 9,3 per cento a 5,05 milioni di unità. Ci sono stati risultati positivi, invece, per Europa e Stati Uniti d’America: la prima ha superato le previsioni crescendo del 9,2 per cento a 14,2 milioni di unità, mentre negli Stati Uniti le vendite hanno raggiunto i livelli massimi degli ultimi 15 anni, con un totale di 17,5 milioni di unità, in aumento del 5,7 per cento rispetto al 2014.

Tra le 20 auto più vendute nel mondo l’anno scorso (dati focus2move), sette sono prodotte da un marchio giapponese, sei da uno tedesco (tutte Volkswagen), cinque da uno statunitense, una da un marchio coreano e una da uno cinese. Potete trovare la classifica completa con le prime 100 posizioni qui.

Nella classifica globale delle auto più vendute nel 2015 del sito focus2move al primo posto c’è la giapponese Toyota Corolla, una denominazione che non è più commercializzata in Italia dal 2007, quando è stata sostituita da Auris. Il nome Corolla fu introdotto da Toyota per la prima volta nel 1966 e da allora è stato utilizzato senza interruzioni per definire principalmente un’auto compatta con carrozzeria berlina a tre volumi venduta in tutti i continenti, ma anche – per certi periodi e mercati, tra cui il nostro – le versioni derivate berlina a due volumi, station wagon e monovolume. Nel 1974 la Corolla diventò il modello più venduto al mondo e lo è rimasto da allora, superando nel 1997 il Maggiolino Volkswagen come auto più venduta di sempre. Nel luglio 2013, dopo undici generazioni del modello, Toyota ha dichiarato di avere raggiunto i 40 milioni di Corolla vendute. Al secondo posto nella classifica dei modelli più venduti c’è un’auto tedesca, la Volkswagen Golf, mentre al terzo si trova un enorme pick-up americano, il Ford F-Series, che da 39 anni è il modello più venduto negli Stati Uniti. Il SUV più venduto al mondo occupa l’ottavo posto della classifica ed è la giapponese Honda CR-V, la prima auto a marchio cinese è la monovolume Wuling Hongguang all’undicesimo posto, mentre per trovare la prima auto a marchio italiano bisogna scendere all’ottantunesimo posto della citycar Fiat 500, che nel 2015 ha venduto 220.637 unità.

Europa

L’anno scorso il mercato europeo è cresciuto del 9,2 per cento, soprattutto grazie agli ottimi risultati di Spagna (+20,9 per cento) e Italia (+15,8 per cento). Qui trovate maggiori dettagli sul mercato italiano, su quello europeo e le previsioni per il 2016.

La classifica dei 10 modelli più venduti in Europa nel 2015 (dati focus2move):

1. Volkswagen Golf – 562.835 unità (+10,8 per cento)
2. Volkswagen Polo – 314.494 unità (+3,4 per cento)
3. Renault Clio – 290.070 unità (-1,4 per cento)
4. Ford Fiesta – 278.684 unità (+0,4 per cento)
5. Opel Corsa – 238.302 unità (+5,5 per cento)
6. Nissan Qashqai – 220.132 unità (+7,6 per cento)
7. Ford Focus – 213.075 unità (-3,0 per cento)
8. Volkswagen Passat – 212.402 unità (+36,2 per cento)
9. Skoda Octavia – 211.982 unità (-0,3 per cento)
10. Peugeot 208 – 206.258 unità (+2,2 per cento)

Le prime auto a marchio italiano nella classifica europea sono le citycar Fiat 500 al diciassettesimo posto (146.486 unità, +0,6 per cento) e Fiat Panda al diciottesimo posto (145.649 unità, +12,6 per cento).

La classifica dei 10 marchi più venduti in Europa nel 2015 (dati ACEA):

1. Volkswagen – 1.727.094 unità (+6,2 per cento)
2. Renault – 975.450 unità (+11,2 per cento)
3. Opel/Vauxhall – 942.128 unità (+6,3 per cento)
4. Peugeot – 856.091 unità (+8,9 per cento)
5. Audi – 767.173 unità (+5,7 per cento)
6. BMW – 748.176 unità (+10,6 per cento)
7. Mercedes-Benz – 737.278 unità (+13,0 per cento)
8. Fiat – 656.669 unità (+12,0 per cento)
9. Skoda – 617.636 unità (+6,1 per cento)
10. Toyota – 565.317 unità (+5,8 per cento)

Stati Uniti d’America

Dopo il record negativo di 10,4 milioni di unità raggiunto nel 2010, le vendite di auto nuove negli USA hanno ricominciato a crescere e il 2015 (+5,7 per cento) in termini di volumi è stato il migliore degli ultimi quindici anni. Tra le principali cause della crescita ci sono il buon andamento dell’economia nazionale, il tasso di disoccupazione in discesa, i tassi d’interesse molto bassi su prestiti e finanziamenti e il ridotto prezzo della benzina, che è sceso intorno ai 2 dollari al gallone. L’anno scorso negli USA circa una persona su venti ha acquistato un’auto nuova e in totale sono stati spesi 570 miliardi di dollari, una media di oltre 32mila dollari ad auto. Nella classifica dei modelli più venduti negli USA l’anno scorso, i primi tre posti sono occupati da pick-up a marchio americano, mentre al quarto posto c’è la prima automobile vera e propria, la berlina giapponese Toyota Camry.

La classifica dei 10 modelli più venduti negli USA nel 2015 (dati cars.com):

1. Ford F-Series – 780.354 unità (+3,5 per cento)
2. Chevrolet Silverado – 600.544 unità (+13,4 per cento)
3. Ram Pickup – 451.116 unità (+2,6 per cento)
4. Toyota Camry – 429.355 unità (+0,2 per cento)
5. Toyota Corolla – 363.332 unità (+7,0 per cento)
6. Honda Accord – 355.557 unità (-8,4 per cento)
7. Honda CR-V – 345.647 unità (+3,2 per cento)
8. Honda Civic – 335.384 unità (+2,9 per cento)
9. Nissan Altima – 333.398 unità (-0,7 per cento)
10. Toyota RAV4 – 315.412 unità (+17,8 per cento)

La classifica dei 10 marchi più venduti negli USA nel 2015 (dati focus2move):

1. Ford – 2.501.855 unità (+5,3 per cento)
2. Chevrolet – 2.123.032 unità (+4,5 per cento)
3. Toyota – 2.098.545 unità (+4,7 per cento)
4. Honda – 1.409.386 unità (+2,6 per cento)
5. Nissan – 1.351.420 unità (+6,4 per cento)
6. Jeep – 865.028 unità (+24,9 per cento)
7. Hyundai – 761.710 unità (+5,0 per cento)
8. Kia – 625.818 unità (+7,9 per cento)
9. Subaru – 582.675 unità (+13,4 per cento)
10. GMC – 558.697 unità (+11,3 per cento)

Cina

In Cina – in assoluto primo mercato nazionale, che da solo ha rappresentato il 24 per cento del totale mondiale – nel 2015 le vendite di auto nuove hanno rallentato rispetto agli anni precedenti (2013 +16 per cento, 2014 +10 per cento), crescendo del 7,3 per cento a 21,1 milioni di unità. Dopo nove mesi di risultati piuttosto deboli, da ottobre le vendite hanno ricominciato a salire in modo consistente grazie soprattutto agli incentivi statali che prevedono una riduzione del 50 per cento delle tasse sull’acquisto di auto di piccola cilindrata. Secondo l’associazione dei costruttori automobilistici cinesi (CAAM), nel 2016 gli incentivi statali aiuteranno il mercato automobilistico locale a crescere del 7,8 per cento.

La classifica dei 10 modelli più venduti in Cina nel 2015 (dati focus2move):

1. Wuling Hongguang – 655.531 unità (-12,6 per cento)
2. Volkswagen Lavida – 472.841 unità (-2,9 per cento)
3. Great Wall Haval H6 – 373.299 unità (+18,2 per cento)
4. Nissan Sylphy – 334.087 unità (+11,3 per cento)
5. Hyundai Elantra – 323.198 unità (-22,5 per cento)
6. Baojun 730 – 321.069 unità (+167,4 per cento)
7. Toyota Corolla – 300.641 unità (+16,8 per cento)
8. Volkswagen Sagitar – 279.887 unità (-6,7 per cento)
9. Volkswagen Santana – 276.209 unità (-3,2 per cento)
10. Volkswagen Jetta – 274.932 unità (-7,4 per cento)

La classifica dei 10 marchi più venduti in Cina nel 2015 (dati focus2move):

1. Volkswagen – 2.737.408 unità (-2,0 per cento)
2. Wuling – 1.512.275 unità (-6,9 per cento)
3. ChagAn – 1.305.734 unità (+14,9 per cento)
4. Hyundai – 1.074.373 unità (-5,3 per cento)
5. Toyota – 1.064.841 unità (+5,5 per cento)
6. Buick – 1.037.506 unità (+13,0 per cento)
7. Honda – 997.377 unità (+25,3 per cento)
8. Great Wall – 938.730 unità (+9,3 per cento)
9. Ford – 904.813 unità (+9,5 per cento)
10. Nissan – 835.557 unità (-2,9 per cento)

Alcuni marchi delle classifiche qui sopra sono presenti solo sul mercato cinese o comunque assenti da quello italiano. I marchi Wuling e Baojun sono di proprietà della SGMW, una joint venture tra le aziende cinesi SAIC Motor e Liuzhou Wuling Motors Co. Ltd. e il gruppo automobilistico americano General Motors, che in Cina vende anche modelli a marchio Buick. Gli accordi di joint venture – in cui due o più imprese si uniscono per creare una nuova azienda – sono molto comuni nell’industria automobilistica cinese: per fabbricare auto nel paese ed evitare gli alti dazi doganali sulle importazioni, i costruttori esteri sono obbligati dalla legge ad allearsi con quelli cinesi – i quali, tra l’altro, sono per lo più a controllo statale. Tra i costruttori cinesi nelle classifiche qui sopra, SAIC Motor e ChangAn sono a controllo statale, mentre Great Wall è un’azienda privata.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.