• postit
  • venerdì 22 Gennaio 2016

Il gran muftì dell’Arabia Saudita ha vietato il gioco degli scacchi nel paese, perché incoraggia le persone a imbrogliare

Il gran muftì dell’Arabia Saudita, l’autorità religiosa wahhabita più influente nel paese, ha stabilito che il gioco degli scacchi è proibito, perché incoraggia le persone a imbrogliare ed è una perdita di tempo. Il gran muftì, Abdul Aziz bin Abdullah, ha giustificato la sua decisione riferendosi a un verso del Corano che vieta tra le altre cose il gioco d’azzardo. Non è chiaro quando è stata emanata la fatwa, scrive il Guardian.

Anche in Iran – altro paese islamico, anche se a maggioranza sciita – erano stati vietati gli scacchi dopo la rivoluzione islamica del 1979. Nel 1988, comunque, l’ayatollah Ruhollah Khomeini aveva rivisto la sua decisione e aveva rimosso il divieto. Oggi l’Iran ha una sua federazione di scacchi e manda i suoi cittadini a giocare ai tornei internazionali.

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.