Matera, 18 gennaio 2016. (ANSA)
  • Mondo
  • giovedì 21 gennaio 2016

Una settimana di neve

Fotografie di posti che sono abituati e di altri che lo sono molto meno, come Matera e la Puglia

Matera, 18 gennaio 2016. (ANSA)

È gennaio, e quindi non si può dire che la neve sia un fenomeno inaspettato in moltissime parti d’Europa: in Germania, in Gran Bretagna, a Mosca e in molti stati americani nessuno alza un sopracciglio se le strade sono ricoperte da svariati centimetri di neve e tutti sono attrezzati per sgomberarle nel modo più efficiente. Non si può dire lo stesso però di molte regioni italiane del centro-sud, come Molise, Abruzzo, Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia, che dal 18 gennaio stanno facendo i conti con temperature sotto lo zero, neve, pioggia e venti freddi. A Campobasso, in Molise, sono caduti fino a 50 centimetri di neve, le scuole sono rimaste chiuse e lunedì c’è stato anche un piccolo terremoto; nelle Marche ha nevicato ad Ascoli Piceno, Fermo e a Fabriano, portando disagi sopratutto al traffico; a Cosenza la neve è arrivata fino a 25 centimetri, mentre ha nevicato anche sulle isole Eolie, a Stromboli e Salina. Da mercoledì le temperature hanno iniziato a salire e la situazione dovrebbe normalizzarsi nei prossimi giorni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.