Firenze. (Foto da Flickr Mario Cutroneo)
  • Italia
  • lunedì 21 dicembre 2015

Le province dove si vive meglio in Italia

Al primo posto della classifica del Sole 24 ore sulla qualità della vita c'è Bolzano, ma Milano ha fatto un gran balzo; l'ultima è Reggio Calabria

Firenze. (Foto da Flickr Mario Cutroneo)

Ogni anno dal 1990 il Sole 24 Ore pubblica una classifica delle province italiane in base alla qualità della vita, tenendo conto di diversi parametri: servizi, ambiente, salute, asili, affari e lavoro, popolazione. Nell’edizione del 2015 al primo posto c’è Bolzano; nel 2014 aveva vinto Ravenna, che quest’anno è decima; nel 2013 aveva invece vinto Trento che quest’anno è terza. Ha fatto un notevole balzo in avanti Milano, passata dall’ottavo al secondo posto, prima in assoluto per tenore di vita; è scesa ancora Roma, passata dal dodicesimo al sedicesimo posto. È la quinta volta che la provincia di Bolzano vince la classifica del Sole.

Anche quest’anno c’è un certo evidente divario tra nord e sud: la parte alta della classifica è ricca di città settentrionali, quella bassa è ricca di città meridionali. Come spiega il Sole, la ricerca tiene conto di sei aree tematiche – Tenore di vita, Affari e lavoro, Servizi/Ambiente/Salute, Popolazione, Ordine pubblico, Tempo libero – e tiene conto in totale di 36 indicatori, con relative classifiche parziali. Milano, per esempio, è la prima città per tenore di vita, Prato è prima in affari e lavoro, Monza e Brianza è prima per servizi, ambiente e salute, Olbia Tempio è prima dal punto di vista demografico, Nuoro è la prima per l’ordine pubblico e Rimini la prima per il tempo libero. Reggio Calabria è invece la peggiore provincia d’Italia per tenore di vita, affari e lavoro, servizi, ambiente e salute.

16. Roma
17. Belluno
18. Udine
19. Gorizia
20. Monza e Brianza
21. Ascoli Piceno
22. Pisa
23. Rimini
24. Bergamo
25. Forlì-Cesena
26. Reggio nell’Emilia
27. Livorno
28. Brescia
29. Mantova
30. Grosseto
31. Verona
32. Pesaro e Urbino
33. Savona
34. Trieste
35. Vicenza
36. Arezzo
37. Piacenza
38. Verbano-Cusio-Ossola
39. Cagliari
40. Massa e Carrara
41. Genova
42. Prato
43. Nuoro
44. Ancona
45. Lecco
46. Varese
47. Fermo
48. Venezia
49. Treviso
50. Ogliastra
51. Padova
52. Cremona
53. Lucca
54. Vercelli
55. Torino
56. Pistoia
57. Perugia
58. La Spezia
59. Oristano
60. Pordenone
61. Novara
62. Lodi
63. Ferrara
64. Biella
65. Terni
66. Imperia
67. Sassari
68. Viterbo
69. Rovigo
70. Pavia
71. Teramo
72. Alessandria
73. Latina
74. Chieti
75. Asti
76. Potenza
77. L’Aquila
78. Ragusa
79. Matera
80. Pescara
81. Avellino
82. Campobasso
83. Rieti
84. Frosinone
85. Barletta-Andria-Trani
86. Isernia
87. Carbonia-Iglesias
88. Bari
89. Crotone
90. Siracusa
91. Brindisi
92. Salerno
93. Enna
94. Medio Campidano
95. Catania
96. Trapani
97. Agrigento
98. Cosenza
99. Benevento
100. Catanzaro
101. Napoli
102. Caltanissetta
103. Foggia
104. Messina
105. Lecce
106. Palermo
107. Taranto
108. Caserta
109. Vibo Valentia
110. Reggio Calabria

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.