Un uomo trasporta dei cestini da pesca di bambù su una bicicletta nel villaggio di Tat Vien, Vietnam. Questa foto ha vinto il premio come migliore immagine in assoluto. (Ly Hoang Long / www.tpoty.com)

I vincitori del Travel Photographer of the Year

Le immagini premiate da uno dei più importanti concorsi dedicati alla fotografia di viaggio

Un uomo trasporta dei cestini da pesca di bambù su una bicicletta nel villaggio di Tat Vien, Vietnam. Questa foto ha vinto il premio come migliore immagine in assoluto. (Ly Hoang Long / www.tpoty.com)

Il fotografo olandese Marsel van Oosten ha vinto il premio come miglior fotografo del Travel Photographer of the Year (TPOTY), uno dei più importanti concorsi internazionali per la fotografia di viaggio al mondo. Van Oosten ha vinto il TYPOTY di quest’anno – arrivato alla 13esima edizione – grazie a un portfolio di 6 foto scattate a dei pellicani e a una palude della Louisiana, negli Stati Uniti. Durante il TYPOTY sono stati assegnati altri premi fra cui quello al miglior giovane fotografo – ha vinto l’americano Chase Guttman, che ha 18 anni: ma hanno partecipato fotografi ancora più giovani –, quello per la categoria “Facce, persone, incontri” e per la categoria “Colori del mondo”, e altri ancora.

A sua volta, la categoria “Facce, persone, incontri” era divisa in due: migliore fotografia singola e miglior portfolio. La prima è stata vinta dal fotografo inglese Timothy Allen – che l’anno scorso aveva ottenuto il primo premio nella categoria principale – per una foto scattata durante un matrimonio fra i monti Altaj della Mongolia occidentale. La seconda è stata vinta dal fotografo australiano Mitchell Kanashkevich per le sue foto sulla vita quotidiana a Maramures, un paese romeno di montagna. Qui ci sono i vincitori di tutte le altre categorie.

Il TPOTY è stato fondato dal fotografo professionista Chris Coe nel 2003 ed è aperto a professionisti, dilettanti e giovani fotografi. Una giuria internazionale composta da editori, appassionati, fotografi ed esperti del settore decide tra centinaia di fotografie inviate ogni anno da quasi cento paesi in tutto il mondo. Le immagini vincitrici sono pubblicate in un libro, stampato solitamente alcuni mesi dopo l’annuncio dei vincitori, oltre ad essere esposte nei prossimi mesi al museo Docklands di Londra.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.