(Pascal Le Segretain/Getty Images)
  • Sport
  • domenica 13 dicembre 2015

Quando gioca l’Italia agli Europei?

Orario e data di Belgio-Italia, Italia-Svezia e Italia-Repubblica d'Irlanda: per iniziare a capire quando chiedere le ferie al capo, o dove trovarsi per vederla con gli amici

(Pascal Le Segretain/Getty Images)

Il 12 dicembre sono stati sorteggiati i gironi degli Europei di calcio del 2016, che si giocheranno in Francia. L’Italia è nel girone E, con Belgio e Svezia e Repubblica d’Irlanda. L’Italia giocherà la sua prima partita il 13 giugno, contro il Belgio; il 17 giugno ci sarà Italia-Svezia e il 22 giugno si giocheranno in contemporanea Italia-Repubblica d’Irlanda e Svezia-Belgio. Tutte le partite saranno trasmesse in tv e in streaming gratuitamente dalla RAI.

Il Girone E è uno dei gironi più difficili: negli ultimi anni la nazionale del Belgio è diventata molto forte ed è al momento prima nel ranking FIFA, davanti ad Argentina e Spagna. La Svezia è una buona squadra e ci gioca Zlatan Ibrahimovic, uno dei migliori attaccanti in circolazione (anche se ha 34 anni). La rIrlanda è di sicuro la squadra più debole del girone: ha alcuni discreti giocatori ma nessun giocatore di altissimo livello.

Data e ora delle partite dell’Italia e del Gruppo E

Lunedì 13 giugno:
18.00 (St-Denis): Repubblica d’Irlanda – Svezia
21.00 (Lione): Belgio – Italia

Venerdì 17 giugno:
15.00 (Tolosa): Italia – Svezia – Gruppo E

Sabato 18 giugno:
15.00 (Bordeaux): Belgio – Repubblica d’Irlanda

Mercoledì 22 giugno:
21.00 (Nizza): Svezia – Belgio
21.00 (Lille): Italia – Repubblica d’Irlanda

Terminata la fase a gironi le due migliori squadre di ogni girone e le quattro migliori terze (16 squadre in tutto) accederanno agli ottavi di finale, che inizieranno il 22 giugno. A seconda della posizione dell’italia nel suo girone, l’Italia potrebbe giocare il 25, il 26 o il 27 giugno, a orari diversi. Qui il calendario completo degli Europei del 2016.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.