(DAMIEN MEYER/AFP/Getty Images)

Twitter vuole cambiare l’ordine dei tweet?

Il social network sta facendo alcuni esperimenti per passare dall'ordine cronologico a uno basato sulla rilevanza dei contenuti (tipo Facebook, esatto)

(DAMIEN MEYER/AFP/Getty Images)

Twitter sta facendo alcuni esperimenti per cambiare il modo in cui sono visualizzati i tweet nella timeline di ogni utente del social network, passando dall’ordine cronologico attuale (con i tweet più recenti in testa) a un ordine basato sulla rilevanza dei tweet: qualcosa che sembra assomigliare all’algoritmo con cui Facebook riordina i contenuti nel suo “newsfeed” (in base ai “mi piace” e alle condivisioni, per esempio). La notizia è stata confermata da Liina Potter, portavoce di Twitter, che ha detto: “È un esperimento. Esploriamo continuamente modi per fare emergere i migliori contenuti per le persone che usano Twitter”.

Twitter, che ha 316 milioni di iscritti, è uno dei social network più diffusi al mondo, ma negli ultimi anni ha sofferto un calo del numero dei nuovi iscritti e una certa difficoltà nel convincere i suoi utenti a passare del tempo usando la sua piattaforma: molte persone si iscrivono, faticano a capire come funziona il sistema, non trovano con facilità i loro amici e lo abbandonano, preferendogli Facebook che è invece più intuitivo e frequentato. Per queste ragioni Twitter sta provando a cambiare alcune delle sue funzioni, per renderle più facili e intuitive: qualche settimana fa aveva cambiato il simbolo della stella – che veniva usato per “preferire” un tweet – con un cuore, un simbolo dal significato più simile a quello del “mi piace” di Facebook; più recentemente ha introdotto novità nella visualizzazione delle foto sulla timeline, che ora sono più grandi e ordinate.

Alcuni dei cambiamenti attuati e proposti da Twitter stanno tuttavia deludendo alcuni dei suoi utenti di vecchia data. In molti avevano criticato la scelta di passare dalla più neutra stellina al cuore, spiegando che ora sarà difficile usare il pulsante per segnalare dei tweet dal contenuto forte o, in qualche modo, non positivo, e anche l’esperimento con l’ordine dei tweet nella timeline è già stato diffusamente criticato: l’ordinazione cronologica dei tweet è considerata più “neutra” e affidabile di un’ordinazione basata, per esempio, sul gradimento degli utenti, che potrebbe oscurare contenuti utili e importanti ma poco apprezzati.