LeBron James all'Università di Akron (AP Photo/Tony Dejak)
  • Sport
  • martedì 8 dicembre 2015

L’accordo a vita fra LeBron James e Nike

È stato firmato lunedì ma i dettagli non sono ancora noti: alcuni esperti ritengono che preveda un compenso fra i 400 e i 500 milioni di dollari

LeBron James all'Università di Akron (AP Photo/Tony Dejak)

LeBron James, uno dei più forti giocatori di basket al mondo, ha firmato lunedì un contratto a vita con la Nike, che in molti, fra giornalisti e agenti sportivi, prevedono possa essere “senza precedenti”. I dettagli del contratto non sono ancora stati diffusi ma secondo Bloomberg – che ha parlato con David Falk, lo storico agente di Michael Jordan prevede un compenso compreso fra i 400 e i 500 milioni di dollari. James è sotto contratto con la Nike dal 2003, ovvero dal suo primo anno tra i professionisti e fino al 2010 ha guadagnato circa novanta milioni di dollari in tutto. Il contratto è stato successivamente prolungato di altri sette anni.

Nike, in un comunicato, ha confermato la durata del contratto e ha dichiarato che James rappresenta “un valore significativo per la nostra attività, per il marchio e per gli azionisti”. Il contratto più importante che la Nike ha sottoscritto con un giocatore, fino a ieri, è quello dal valore di 300 milioni di dollari per dieci anni con l’ala piccola di Oklahoma Kevin Durant. Pochi mesi fa, James Harden degli Houston Rockets aveva lasciato la Nike per un contratto di tredici anni e duecento milioni con Adidas.

James ha commentato il nuovo accordo dicendo:

Sono stati degli anni incredibili per me e per la mia famiglia, e sono grato che la Nike e Phil Knight e tutti lì fuori abbiano creduto in un diciottenne mingherlino di Akron. Sono felice di fare parte di una società così grande.

Un anno fa, James è tornato a giocare con i Cleveland Cavaliers dopo quattro anni passati con i Miami Heat. Per l’occasione, Nike diffuse uno spot sul suo “ritorno a casa”. Lo spot della Nike – in bianco e nero – era centrato su un discorso che James fece ai compagni di squadra sull’importanza di giocare per la città di Cleveland: come tutti gli altri spot di questo genere, è molto epico e intenso.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.