25 titoli di film tradotti male

Dal più famoso "The eternal sunshine of the spotless mind" – diventato "Se mi lasci ti cancello" – a "Vertigo" di Hitchcock, che nella versione italiana ha una specie di spoiler nel titolo

di Gabriele Gargantini – @GGargantini

Alcuni giorni fa Disney Italia ha comunicato che il film Moana – previsto in uscita per il Natale 2016 – in Italia si chiamerà Oceania: la scelta potrebbe avere a che fare con la volontà di evitare un riferimento all’attrice di film porno Moana Pozzi, ma potrebbero anche esserci altre ragioni. La storia dei film statunitensi (e in alcuni casi francesi) arrivati in Italia con titoli molto diversi da quelli originali è lunga, ricca e con molte interessanti curiosità. I titoli vengono cambiato per questioni di marketing o per scelte stilistiche a volte non ben comprensibili. Negli anni questa cosa ha  creato problemi, di cui spesso si è parlato. In Italia si decise per esempio di tradurre in Rio Bravo il film statunitense Rio Grande. Quando dagli Stati Uniti arrivò però un film il cui titolo era Rio Bravo la cosa diventò un problema. Per quel film si scelse allora il titolo Un dollaro d’onore.

Abbiamo raccolto 25 esempi di titoli di questo tipo. Uno dei più famosi è The eternal sunshine of the spotless mind, che in Italia è diventato Se mi lasci ti cancello. Uno dei più interessanti è quello che riguarda il film western di John Ford Stagecoach, parola che in italiano si traduce con “diligenza”. Per quel film si scelse in Italia il titolo Ombre rosse.  Si dice che quando il regista italiano Federico Fellini incontrò Ford gli disse, per complimentarsi, che gli era molto piaciuto il suo film Red Shadows (che è la traduzione inglese di “ombre rosse). Ford non capì. Fellini pensava che Ombre Rosse fosse una fedele traduzione di Red Shadows. Non era così. Un altro caso interessante è quello del film statunitense Melody, che in Italia è diventato Come sposare la compagna di banco e farla in barba alla maestra. 

(Dentro ogni immagine il titolo originale, quello italiano, e qualche motivo sul perché)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.