• Mondo
  • lunedì 30 novembre 2015

Le pubblicità false sul cambiamento climatico alle fermate degli autobus di Parigi

Sono più di 600 e sono state affisse in tutta la città da un gruppo che si fa chiamare "Brandalism"

Un gruppo di attivisti ambientalisti che si fa chiamare “Brandalism” ha sostituito 600 pubblicità nelle bacheche alle fermate degli autobus di Parigi con altrettante false pubblicità e illustrazioni a tema ambientalista e di critica alla COP21, la grande conferenza sul clima che è iniziata oggi a Parigi. Le 600 false pubblicità, come ha spiegato Brandalism con un comunicato stampa diffuso attraverso il loro sito internet, sono state posizionate negli spazi pubblicitari gestiti da JC Decaux, una grande società che si occupa di pubblicità all’aperto e che è uno degli sponsor della COP21.

(L’immagine si ingrandisce con un clic)

Brandalism

Alcuni dei lavori affissi da Brandalism a Parigi assomigliano a vere pubblicità di certe società, per esempio Volkswagen e AirFrance, dove però testo e immagini trasmettono messaggi ambientalisti e discordanti dall’immagine pubblica di quelle aziende. Una finta pubblicità di Volkswagen fa riferimento al recente scandalo dei motori “truccati” e più inquinanti di quanto dichiarato, per esempio, e dice: “Ci dispiace, che ci abbiano scoperti”; una finta pubblicità di AirFrance, invece, dice: “Occuparsi del cambiamento climatico? Certo che no, siamo una compagnia aerea”.

Brandalism

Altre false pubblicità sono illustrazioni a tema ambientalistico: alcune per esempio riprendono personaggi dei cartoni animati mettendoli in contesti di disastri ambientali, altre invece criticano politici di tutto il mondo accusati di non fare abbastanza per affrontare il cambiamento climatico. Tutte le immagini le trovate qui.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.