• Cultura
  • venerdì 13 novembre 2015

Sette megastrutture quasi pronte

Le ha messe insieme il Guardian: ci sono anche l'hotel più grande di sempre e il prossimo edificio più alto del mondo

Il Guardian ha elencato in un recente articolo sette enormi edifici o strutture in fase di costruzione che saranno completati da qui al 2020. Tre di questi edifici si trovano in Europa, mentre gli altri si trovano in Cina e in Arabia Saudita. Fra gli edifici presi in considerazione dal Guardian ci sono fra gli altri il prossimo edificio più alto del mondo e quello che sarà l’hotel più grande della storia – che si trovano entrambi in Arabia Saudita – ma anche opere di notevole difficoltà dal punto di vista ingegneristico, come il ponte di 50 chilometri che collegherà la Cina continentale ad Hong Kong e il nuovo sarcofago in acciaio che coprirà il reattore della centrale nucleare di Chernobyl, in Ucraina, esploso nel 1986.

La Kingdom Tower di Gedda (Arabia Saudita)
È un altissimo edificio in costruzione a Gedda, una città costiera dell’Arabia Saudita vicino alla Mecca. Quando sarà terminata, sarà l’edificio più alto al mondo: misurerà infatti circa mille metri ma l’altezza precisa è mantenuta segreta dai progettisti per evitare che siano avviati altri progetti per superare in tempi brevi il loro record. Il grattacielo sarà comunque di circa 170 metri più alto del Burj Khalifa di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, attualmente la struttura più alta mai realizzata dall’uomo e costruita in appena cinque anni. L’architetto della Kingdom Tower e del Burj Khalifa è lo stesso, e cioè lo statunitense Adrian Smith. L’operazione è finanziata da Kingdom Holding Company, la più grande società dell’Arabia Saudita. La torre comprenderà hotel, uffici e appartamenti e dovrebbe essere conclusa entro il 2019.

Il ponte fra Hong Kong, Zhuhai e Macao (Cina)
Collegherà Hong Kong alla Cina continentale attraverso un ponte e un tunnel sottomarino, le cui due entrate saranno poste su isole artificiali. Il nuovo collegamento sarà lungo circa 50 chilometri: una volta completato, sarà il collegamento via mare più lungo al mondo (per capirci: il ponte di Messina dovrà essere lungo circa tre chilometri). La costruzione è iniziata nel 2009, ma il governo cinese non ha diffuso una stima di quando si concluderà.

Il nuovo aeroporto di Pechino (Cina)
Sarà costruito a Daxing, a circa 50 chilometri da Pechino, e nelle intenzioni del progetto il suo terminal principale dovrà diventare il più grande al mondo. La forma sarà a X per consentire ai passeggeri – che a regime saranno 125mila al giorno – di raggiungere più facilmente anche i gate più lontani. Il progetto è parzialmente curato dalla famosa architetta e designer britannica Zaha Hadid. L’aeroporto sarà completato nel 2018.

Il nuovo sarcofago per la centrale nucleare di Chernobyl (Ucraina)
È un’enorme struttura in acciaio in costruzione per proteggere il reattore 4, quello esploso nel 1986 nell’incidente peggiore della storia dell’energia nucleare. Si chiama “New Safe Confinement” (NSC), è grande come un campo da calcio e alto come un palazzo di trenta piani. Dovrebbe durare circa 100 anni, e quando sarà completato nel 2017 sarà spostato tramite alcune rotaie sull’attuale “sarcofago” di contenimento, già presente sopra al reattore ma da anni danneggiato. Secondo il Guardian è il progetto più difficile da realizzare della lista, a partire anche dalla pericolosità del sito per gli operai: se il tasso di radioattività di un operaio si alza sopra una certa soglia, deve smettere di lavorare e allontanarsi dal cantiere.

L’Hotel Abraj Kudai della Mecca (Arabia Saudita)
Quando aprirà nel 2017 sarà l’hotel più grande del mondo: avrà diverse torri alte fino a 45 piani, tre eliporti, 10mila stanze e 70 ristoranti. È attualmente in costruzione nel quartiere di Manafia, a meno di due chilometri dalla Grande Moschea della Mecca, il luogo dove i musulmani si recano durante l’Hajj, l’annuale pellegrinaggio alla Mecca che i fedeli sono tenuti a compiere almeno una volta nella vita nel caso abbiano i mezzi per farlo (ogni anno in città arrivano solo per l’Hajj due milioni di persone). L’hotel Abraj Kudai è solo uno dei complessi turistici attualmente in costruzione alla Mecca in diversi quartieri della città.

mecca

Crossrail (Regno Unito)
Sarà una nuova linea ferroviaria suburbana di Londra, studiata per “alleggerire” il traffico della metropolitana. Alla fine dei lavori sarà lunga 118 chilometri e attraverserà la periferia e il centro della città da est a ovest: attualmente è la più grande opera di ingegneria civile in costruzione nel Regno Unito. I lavori principali finiranno nel 2017, mentre parte del servizio dovrebbe essere attivo alla fine del 2018. Qui c’è una tabella con l’inizio e la fine dei lavori per ciascuna stazione.

Lo stadio della nazionale francese di rugby (Francia)
Sarà costruito a Évry, nella periferia sud di Parigi, ospiterà fino a 82mila tifosi e avrà un terreno “estraibile”, un sistema per fare in modo che il manto erboso non venga rovinato quando lo stadio è usato per attività non sportive. Ad oggi la nazionale gioca allo Stade de France di Parigi, il più importante stadio di Francia e per questo occupato da moltissimi altri eventi (fra cui le partite della nazionale di calcio, concerti e meeting di atletica). Per ragioni di “indipendenza” la federazione francese di rugby ha quindi avviato il progetto di un proprio stadio, che nei tempi morti fra una partita e un’altra potrà comunque servire da arena per concerti o altri eventi. Secondo la federazione lo stadio sarà inaugurato nel 2020.



Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.