(AP Photo/Gregorio Borgia)
  • Sport
  • domenica 8 Novembre 2015

Roma-Lazio, le formazioni

Il derby di Roma si gioca alle 15 in uno stadio che sarà mezzo vuoto: chi gioca, e le altre cose da sapere

(AP Photo/Gregorio Borgia)

Roma e Lazio giocheranno contro oggi pomeriggio alle 15 nella dodicesima giornata del campionato di Serie A. Il derby di Roma è una partita solitamente molto sentita, e quest’anno arriva in un momento molto particolare della stagione: la Roma ha iniziato il campionato fra lo scetticismo degli esperti di calcio per non essersi rinforzata a sufficienza durante il mercato, mentre la Lazio aveva finito in maniera eccellente la scorsa stagione sfiorando il secondo posto. Ora però la Roma è messa molto meglio della Lazio: in Serie A è terza a un solo punto da Inter e Fiorentina e in Champions League è seconda a due partite dal termine dal girone. La Lazio è stata eliminata dai playoff di Champions League e da allora alterna buone cose a sconfitte contro squadre di livello inferiore come Atalanta, Sassuolo e Milan. Al momento è ottava a sei punti da Fiorentina e Inter. Insomma: la Roma deve vincere per rimanere fra le prime tre, la Lazio per rientrare nel giro.

Come ci arriva la Roma
Abbastanza bene. Dopo aver perso 1-0 contro l’Inter in una brutta partita di campionato, ha vinto per 3-2 contro il Bayer Leverkusen nell’ultima partita di Champions League, superandolo nella classifica del girone. La Roma però ha diversi giocatori importanti infortunati: quella di stasera sarà la settima partita in tre settimane, e in molti sono rimasti affaticati dopo la partita contro il Bayer. Inizieranno probabilmente dalla panchina Alessandro Florenzi – uno dei migliori di questo inizio di stagione – Maicon e Daniele De Rossi. In attacco, Gervinho è apparso piuttosto stanco nell’ultima gara e al suo posto dovrebbe giocare Iago Falque. La Roma giocherà comunque col solito 4-3-3. A proposito della Lazio, Garcia ha detto che è una «buona formazione».

E la Lazio?
È messa peggio della Roma per quanto riguarda le prestazioni recenti e la rosa: ma in settimana ho giocato con le riserve – e vinto agilmente per 2-0 – contro il Rosenborg in Europa League, facendo riposare buona parte dei titolari. Come spesso è accaduto in queste settimane, la partita della Lazio dipenderà molto dalle prestazioni dei suoi giocatori migliori. La Lazio gioca spesso con un 4-2-3-1 piuttosto spericolato e un po’ appeso alle giocate delle tre mezzepunte: se Antonio Candreva e Felipe Anderson giocheranno bene, la Lazio avrà qualche possibilità di vincere. Altrimenti, come accaduto contro il Milan, i meccanismi offensivi della Lazio funzioneranno poco e la squadra potrebbe diventare prevedibile. Secondo la Gazzetta dello Sport, fra l’altro, l’allenatore Stefano Pioli potrebbe decidere di giocare col 4-3-3 per correre meno rischi a centrocampo, togliendo la mezzapunta Sergej Milinković-Savić – uno dei migliori di queste ultime partite – per inserire un centrocampista in più, magari Marco Parolo (che nelle ultime settimane è rimasto fermo per infortunio).

Il problema delle curve
La partita di oggi fra Roma e Lazio si giocherà con le curve – cioè i settori dello stadio dove si concentra il tifo organizzato – senza tifosi, a causa di una protesta portata avanti da settimane dagli ultras sia della Roma sia della Lazio. In estate il prefetto di Roma Franco Gabrielli aveva deciso di ridurre la capienza della curva sia della Roma che della Lazio, di dividere entrambe in due mini-curve separate da una barriera nel mezzo e di rafforzare le divisioni con la tribuna del lato lungo del campo. Gabrielli aveva motivato la decisione citando motivi di sicurezza. L’allenatore della Roma Rudi Garcia ha previsto che «sarà un derby triste in un Olimpico vuoto». Allo stadio Olimpico assisteranno comunque alla partita circa 30mila persone.

Le formazioni ufficiali

Come vederla
In tv la partita fra Roma e Lazio può essere vista sui canali Sky Calcio 1 e Premium Calcio, rispettivamente delle piattaforme Sky e Mediaset Premium. Roma-Lazio in streaming può essere vista utilizzando i servizi streaming di Mediaset e Sky, quindi rispettivamente Premium Play e Sky Go.