(YouTube)

Stasera cinema?

C'è un nuovo film del regista di "Gomorra - La serie" e un altro con Bill Murray e Kate Hudson (e poi c'è James Bond, chiaro)

(YouTube)

Il secondo weekend di novembre è un ottimo weekend per gli appassionati di cinema: da giovedì 5 novembre nelle sale cinematografiche italiane sono arrivati quattro-cinque buoni film: tutti interessanti e tra loro molto diversi. I due film più importanti del weekend sono Spectre – 007 e Snoopy and Friends – Il film dei Peanuts. Derivano entrambi da qualcosa che, nella sua prima forma, è stato scritto più di cinquant’anni fa: il personaggio di James Bond è infatti comparso per la prima volta nel 1953, nel romanzo Casino Royale dello scrittore britannico Ian Fleming; i Peanuts esistono invece dall’ottobre del 1950, quando fu pubblicata la prima striscia del famoso fumetto disegnato da Charles M. Schultz.

Molte persone questo weekend andranno a vedere i Peanuts e James Bond, ma c’è anche altro: l’originale film Alaska, una produzione italo-francese con Elio Germano; il film drammatico 45 anni e la commedia Rock the Kasbah: di Barry Levinson (quello di Rain Man) e con Bill Murray.

Spectre – 007
È il 24esimo film della saga di James Bond, il secondo diretto dal regista britannico Sam Mendes – già regista diSkyfall – e il quarto in cui l’agente 007 è interpretato da Daniel Craig, che è già stato James Bond in Casino Royale, Quantum of Solace Skyfall. La SP.E.C.T.R.E. (acronimo di Special Executive for Counter-intelligence, Terrorism, Revenge and Extortion) è un’organizzazione criminale specializzata in contro-spionaggio, terrorismo, ritorsioni ed estorsioni: è presente nei primi film della saga di James Bond ed è per esempio quella contro cui deve scontrarsi Bond in Agente 007 – Licenza di uccidere, il primo film della saga. Skyfall era piaciuto molto: il secondo Bond di Mendes sembra stia convincendo meno i critici, ma sta comunque piacendo agli spettatori: sul sito IMDB ha ricevuto un voto medio di 7,5 su 10.

Snoopy and Friends – Il film dei Peanuts
Snoopy & Friends è nato da un’idea di Craig, figlio di Charles M. Schulz morto nel 2000. Craig propose a suo figlio Bryan, sceneggiatore, di scrivere storia e testi del film. Per la regia fu scelto Steve Martino, il regista di L’era glaciale 4 – Continenti alla deriva e di Ortone e il mondo dei Chi, film d’animazione del 2008, tratto da un omonimo libro illustrato. Gli Schultz hanno spiegato di aver scelto Martino proprio per aver apprezzato il modo in cui ha trasformato quel libro in un film. Snoopy & Friends esce in un anno con molti anniversari: sono passati 15 anni dalla morte di Schultz e dall’ultima striscia dei Peanuts, 35 anni dall’ultimo film sui Peanuts andato nei cinema, 50 anni dal primo film televisivo sui Peanuts e 65 anni dalla prima striscia disegnata da Schultz, nell’ottobre 1950. Così come Spectre, anche Snoopy & Friends sembra stia piacendo al pubblico più che ai critici, e qui c’è la risposta alla domanda: «È un film per adulti, per bambini, o per tutta la famiglia?»

Alaska
È un film drammatico diretto da Claudio Cupellini, il regista di Lezioni di cioccolato, Una vita tranquilla e di Gomorra – La serie: è stato girato sia in Francia che in Italia, ci sono attori di entrambi i paesi e nel film sono parlate entrambe le lingue. Racconta la storia di Fausto (Elio Germano), che lavora in un hotel e di Nadine (Astrid Berges-Frisbey) che va a fare un provino per modelle nell’hotel in cui lavora Fausto. I due si conoscono e si piacciono: si troveranno però ad affrontare molti e gravi problemi. Gabriele Niola scrive su MyMovies che Alaska è «uno dei film più liberi, caotici e apertamente romanzeschi dell’anno».

Rock the Kasbah
È una commedia uscita negli Stati Uniti a fine ottobre. Ha un regista famoso e apprezzato (Levinson) e un cast di attori molto conosciuti: Bill Murray, Bruce Willis, Kate Hudson e Zooey Deschanel, per dire i quattro più famosi. Racconta la storia Richie Lanz, un manager musicale (Murray) a cui le cose non vanno benissimo e che crede di vedere in Ronnie (Deschanel) una cantante che potrebbe fare la sua fortuna. L’incontro tra Ronnie e il manager avviene a Kabul, in Afghanistan: lei è lì “in tour” per suonare davanti ai militari statunitensi. Lanz incontra però una ragazza afghana altrettanto talentuosa e prova a lanciarla nello show televisivo Afghan Star. Su Repubblica Roberto Nepoti parla del film come di «un’occasione sprecata». Il film ha avuto delle brutte recensioni anche su IMDB: la votazione media data dagli utenti del sito è di 5,4 su 10.

45 anni
È un film scritto e diretto da Andrew Haigh e interpretato da Charlotte Rampling e Tom Courtenay, premiati entrambi all’ultimo Festival del cinema di Berlino con l’Orso d’Argento per la miglior interpretazione. Racconta la storia di Kate e Geoff, una coppia che vive nella campagna inglese e che si appresta a festeggiare i 45 anni di matrimonio. A pochi giorni dalla ricorrenza Geoff riceve una notizia inattesa: è stato ritrovato in un ghiacciaio il corpo di Katya, la sua prima fidanzata finita dispersa durante un’escursione negli anni Sessanta.

Steve McQueen: Una vita spericolata
Il 9, il 10 e l’11 novembre si potrà vedere in alcuni cinema italiani Steve McQueen: Una vita spericolata, un documentario diAdemo e N.O.SaGabriel Clarke e John McKenna che racconta la complicata lavorazione e il “dietro le quinte” di Le 24 Ore di Le Mans, un film voluto e interpretato dall’attore Steve McQueen, grande appassionato di corse automobilistiche morto il 7 novembre 1980.

I nuovi film della settimana sono piuttosto interessanti. Per chi fosse rimasto indietro e volesse recuperare con le “nuove uscite” delle ultime settimane, questi sono tre dei film di cui meglio si è parlato nell’ultimo mese: tutti e tre sono ancora al cinema.

– Crimson Peak: è un film horror, vietato ai minori di 14 anni e diretto da Guillermo del Toro, il regista di Pacific Rim e Hellboy. Nel cast ci sono Mia Wasikowska, Jessica Chastain, Tom Hiddleston, Charlie Hunnam, Jim Beaver. Crimson Peak ha a che fare con il sovrannaturale ed è molto piaciuto a Peter Bradshaw, critico cinematografico del Guardian, che ha scritto: «Il romanzo gotico-fantasy di Guillermo del Toro è oltremodo sontuoso e orribilmente violento».

– Mustang: è un film drammatico della regista turca Deniz Gamze Ergüven, al suo debutto al cinema. Racconta la storia di cinque sorelle che dopo essere state viste mentre giocano in spiaggia con alcuni ragazzi vengono punite dalla loro famiglia, che ritiene inopportuno il loro comportamento. Su IMDB, il più importante database sul cinema al mondo, Mustang ha finora ottenuto un voto medio di 7,6 su 10 da parte degli utenti. Il film è stato presentato alcuni mesi fa a Cannes: su La Stampa Alessandra Levantesi Kezich scrive che Mustang «dimostra una bella abilità a dare a ognuna delle ragazze un proprio carattere e nello stesso tempo a suggerire l’idea di una complicità profonda, lasciando che il messaggio sulla colpevole repressività delle società patriarcali (e non soltanto quella islamica) emerga dagli eventi».

 Sopravvissuto – The Martian: senza andare oltre il trailer e i primi cinque minuti di film, The Martian è un film di fantascienza che racconta la storia di Mark Watney (interpretato da Matt Damon), un astronauta che, creduto morto in seguito a una tempesta di sabbia, viene lasciato solo su Marte dagli altri astronauti che partecipavano alla missione insieme a lui. Watney non ha modo di comunicare agli altri astronauti o alla NASA che, contrariamente a quanto si creda, lui è ancora vivo.

Per chi volesse portarsi avanti, questi sono invece i tre film di cui più si è parlato negli ultimi giorni. Di tutti è tre è infatti uscito un nuovo trailer: Star Wars: Il risveglio della Forza, The Hateful Eight  Warcraft – L’inizio

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.