Cameron Spencer/Getty Images
  • Sport
  • giovedì 5 Novembre 2015

Valentino Rossi partirà dall’ultimo posto nella gara decisiva del MotoGP

Aveva presentato ricorso al TAS per la sanzione in seguito al contestato sorpasso su Marquez: è stato respinto

Cameron Spencer/Getty Images

Il Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) con sede a Losanna, ha respinto il ricorso presentato dal motociclista Valentino Rossi contro la decisione della direzione del Mondiale di MotoGP di sanzionarlo per il discusso sorpasso su Marc Marquez durante il GP di Sepang, di due settimane fa, che causò la caduta di Marquez. Valentino Rossi dovrà quindi cominciare dall’ultimo posto sulla griglia di partenza la gara di Valencia, che si correrà domenica 8 novembre: l’ultima del campionato mondiale di MotoGP, che sarà decisiva per stabilire chi tra lui e il pilota spagnolo Jorge Lorenzo lo vincerà.

Rossi aveva chiesto l’annullamento o la riduzione della sanzione decisa per il suo sorpasso su Marquez, due eventualità che gli avrebbero permesso di partecipare alle qualifiche per il Moto GP di Valencia e di cominciare la gara in una posizione più avanzata e favorevole. Al momento Valentino Rossi è primo nella classifica piloti del campionato di motociclismo, con 7 punti di vantaggio su Lorenzo.

L’incidente

Il sorpasso che ha portato alla sanzione per Rossi è avvenuto durante il settimo giro del Moto GP di Sepang, corso domenica 25 ottobre. Lui e Marquez, pilota spagnolo della Honda, stavano lottando per il terzo posto e nei giri precedenti si erano già sorpassati reciprocamente 17 volte: a un certo punto Marquez ha sbagliato una curva, finendo largo e lasciando spazio a Rossi di sorpassarlo all’interno, i due si sono poi molto avvicinati, Rossi ha guardato più volte Marquez e ha poi allargato la curva spingendolo a terra.

Rossi e Marquez hanno subito dato versioni opposte dell’incidente, accusandosi reciprocamente di scorrettezze. Rossi, in particolare, ha sostenuto che Marquez stesse cercando di infastidirlo e rallentarlo per favorire la vittoria del pilota spagnolo Jorge Lorenzo. Rossi sostiene di aver voluto “dare fastidio” a Marquez, ma che il movimento del suo piede è stato sostanzialmente involontario. Rossi ha anche precisato che una moto di MotoGP è troppo pesante per essere sbilanciata da una pedata, e che Marquez con quei continui sorpassi voleva rallentare la sua gara.

«Intanto non lo volevo far cadere e non gli ho dato un calcio. Quando perdo il piede dalla pedana, lui era già caduto. È vero, volevo dargli fastidio, mandarlo fuori traiettoria, ma non farlo cadere: purtroppo ci siamo toccati, il suo manubrio ha preso la mia coscia sinistra ed è per quello che è volato via. Nessun calcio, perché una MotoGP è troppo pesante per far cadere un pilota con una semplice pedata»

Marquez, invece, sostiene che la sua caduta sia stata causata da Rossi, che ha agito senza pensare e mettendo in pericolo la sua incolumità:

«Siamo arrivati alla curva 14, lui mi ha superato all’interno, poi ha alzato la moto, mi ha guardato, ha rallentato e mi ha spinto fuori con la gamba, prendendomi sul braccio e sul manubrio. Non riesco proprio a spiegarmi cosa passi nella testa di un pilota che fa cadere volontariamente un altro: qui ci giochiamo la vita».

Rossi non è stato squalificato immediatamente: al termine della gara l’organizzazione della MotoGP ha ascoltato le testimonianze dei due piloti, rivisto le immagini e deciso di assegnare tre punti di penalità a Rossi, che lo faranno partire dall’ultimo posto al Gran Premio di Valencia. Il magazine online Crash.net aveva parlato col direttore di gara della MotoGP Mike Webb per farsi spiegare la decisione di assegnare tre punti di squalifica a Rossi, senza annullare la sua gara. Webb ha spiegato che Rossi ha effettivamente cercato di danneggiare Marquez, ma che dalla sua aveva qualche scusante:

«Abbiamo sentito entrambi i piloti. Marquez ci ha detto che si stava facendo i fatti suoi, cercando di passare Valentino senza toccarlo. Ed è vero. Valentino, invece, ha detto che Marquez lo stava deliberatamente rallentando e rendendogli difficile la gara. E che nella curva è andato largo per allontanarsi da Marquez, senza volerlo toccare. Ed effettivamente, nonostante quello che dica Marquez, abbiamo stabilito che stava effettivamente cercando di condizionare la gara di Valentino. Alla fine, abbiamo ritenuto che entrambe le versioni siano parzialmente vere».

Rossi può ancora vincere il Mondiale?

Anche se partirà ultimo nella gara di domenica, Rossi potrebbe riuscire a vincere il Mondiale se riuscisse a completare una grande rimonta nei confronti di Lorenzo o se quest’ultimo dovesse cadere e quindi non ottenere punti. Nel primo caso, Rossi vincerebbe se dovesse rimontare e superare Lorenzo, arrivando al traguardo prima di lui, ma gli potrebbe bastare arrivare secondo nel caso di una vittoria di Lorenzo, terzo se Lorenzo arrivasse secondo e almeno sesto se Lorenzo dovesse arrivare terzo. E poi: se Lorenzo dovesse arrivare quarto, a Rossi basterebbe arrivare nono, se Lorenzo dovesse arrivare dal quinto al nono posto, Rossi dovrebbe arrivare non più di 6 posti dietro di lui, e se Lorenzo dovesse arrivare oltre il nono posto Rossi sarebbe campione.