Papa Francesco (VINCENZO PINTO/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • mercoledì 21 Ottobre 2015

La storia del presunto tumore di Papa Francesco

Cosa c'è di concreto (poco) nella notizia pubblicata da Quotidiano Nazionale, arrivata su moltissime prime pagine e smentita dal Vaticano

Papa Francesco (VINCENZO PINTO/AFP/Getty Images)

Sul Quotidiano Nazionale del 21 ottobre è stato pubblicato un articolo in prima pagina in cui si dice che Papa Francesco avrebbe “un piccolo tumore al cervello”, in una forma lieve che “si può curare senza portare il paziente in sala operatoria”. La notizia è stata ripresa già nella notte da molti giornali – che l’hanno messa in prima pagina e in apertura di homepage – ed è già stata smentita dal Vaticano. Il portavoce padre Lombardi ha parlato di una “diffusione di notizie infondate gravemente irresponsabile”.

Secondo Quotidiano Nazionale, alcuni mesi fa Papa Francesco avrebbe incontrato in una clinica di San Rossore di Barbaricina, nelle vicinanze di Pisa, il professore Takanori Fukushima, un esperto in tumori al cervello e aneurismi originario del Giappone. Dopo la visita, Fukushima avrebbe detto al Papa che la malattia è curabile e senza la necessità di intervenire chirurgicamente. Il giornale dice di aver ottenuto queste informazioni da un componente dello staff medico della clinica, la cui identità non è stata rivelata.

Oltre all’articolo con la notizia del presunto tumore di Papa Francesco, su Quotidiano Nazionale c’è anche un editoriale del direttore del giornale, Andrea Cangini, in cui si spiega la scelta di pubblicare un’informazione del genere:

Naturalmente, ci siamo posti il problema. Scriviamo oggi, sulla base di fonti certe, che papa Francesco ha un tumore al cervello e fino a ieri ci siamo domandati se fosse lecito violare in maniere così evidente la privacy di un uomo. Un uomo che a dicembre compirà 78 anni. Abbiamo ritenuto che in questo caso il diritto alla riservatezza contasse un po’ meno del diritto dell’opinione pubblica ad essere informata. Quel che vale per i capi di Stato e di governo vale a nostro avviso anche per il capo della Chiesa cattolica: in casi del genere, la malattia cessa d’essere una faccenda privata per divenire una questione di pubblico interesse in ragione dell’enorme responsabilità che grava su malati così straordinari.

Padre Lombardi, il direttore della sala stampa del Vaticano, ha smentito la notizia già nella notte, dicendo che Papa Francesco “sta svolgendo come sempre la sua attività intensissima”. Cangini ha risposto dicendo che “la smentita è comprensibile ed era attesa”, confermando comunque la notizia del tumore al cervello e spiegando di averla tenuta a lungo “ferma per fare tutte le verifiche del caso, non abbiamo il minimo dubbio sulla sua fondatezza”. Non è però chiaro sulla base di quali elementi, oltre la testimonianza di una persona dello staff medico della clinica in Toscana, Quotidiano Nazionale affermi con certezza che il Papa sia malato.

Jorge Mario Bergoglio compirà 79 anni il prossimo 17 dicembre ed è papa dal 13 marzo del 2013. A 21 anni, a causa di una forma molto grave di polmonite, gli fu asportata la parte superiore del polmone destro. Da allora non ha avuto o non sono stati resi pubblici particolari problemi di salute, anche se in passato alcuni giornali avevano ipotizzato che potessero essercene. Lo scorso maggio durante una visita pastorale a Ostia, Papa Francesco aveva salutato i fedeli dicendo in modo scherzoso: “Pregate per me, sono un po’ anziano, un po’ malato, eh?”. La notizia era stata molto ripresa dai giornali, ma probabilmente con qualche esagerazione e preoccupazione di troppo.