Graziano Pellè festeggia il gol del 2-1 contro la Norvegia. (Claudio Villa/Getty Images)
  • Sport
  • martedì 13 Ottobre 2015

Italia-Norvegia è finita 2-1

La nazionale ha chiuso il girone di qualificazione agli Europei al primo posto

Graziano Pellè festeggia il gol del 2-1 contro la Norvegia. (Claudio Villa/Getty Images)

Aggiornamento delle 22:50
L’Italia ha battuto per 2-1 la Norvegia, nella partita valida per le qualificazioni all’Europeo 2016, che si terrà in Francia: si è posizionata così al primo posto del girone H. Il primo gol è stato segnato da Alexander Tettey per la Norvegia; l’Italia ha pareggiato con un gol di Alessandro Florenzi, mentre quello della vittoria è stato segnato da Graziano Pellè.

***

Italia e Norvegia si affronteranno questa sera alle 20.45 allo Stadio Olimpico di Roma. La partita è valida per le qualificazioni all’Europeo 2016 che si terrà in Francia. Italia-Norvegia sarà trasmessa su Rai1. Quella di stasera è l’ultima partita del girone H, oltre alla Norvegia fanno parte del girone dell’Italia anche Malta, Azerbaigian, Bulgaria e Croazia. Nell’ultima partita l’Italia ha battuto l’Azerbaigian per 3-1 è si è qualificata aritmeticamente: arrivano direttamente alla fase finale dell’Europeo le due migliori classificate di ogni girone e la terza migliore di tutti i gironi, mentre le altre terze classificate disputano un turno di playoff. Per arrivare al primo posto del girone H all’Italia basta anche un pareggio contro la Norvegia. Per essere sicura di passare alla fase finale invece la Norvegia deve vincere.

Le formazioni ufficiali

L’Italia giocherà con un 3-5-2 con Eder e Pellè in attacco e centrocampisti offensivi Florenzi e Soriano. La Norvegia con un 4-2-3-1 con prima punta Soderlund, leggermente spostato a sinistra per lasciare spazio a Skjelbred. Tettey sarà un po’ più avanzato rispetto a Johansen.

ITALIA (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Darmian, Florenzi, Montolivo, Soriano, De Sciglio; Eder, Pellé.
NORVEGIA (4-2-3-1): Nyland; Elabdellaoui, Hovland, Forren, Aleesami; Tettey, Johansen; Berget, Skjelbred, Henriksen; Soderlund
Arbitro: Felix Brych (Germania)

La Norvegia nel girone H

L’Italia ha ottenuto una buona vittoria per 2-0 contro la Norvegia nella partita di andata che si è giocata il 9 settembre 2014 a Oslo, con gol di Simone Zaza e Leonardo Bonucci. Norvegia-Italia era la prima partita di queste qualificazione e quella dove Conte ha fatto il suo esordio ufficiale come allenatore della nazionale. La Norvegia arriva da una vittoria per 2 a 0 contro Malta ed è seconda nel girone H: due punti sotto l’Italia e due sopra la Croazia. Se la Croazia dovesse vincere contro Malta, nella partita che si gioca sempre stasera, e la Norvegia dovesse perdere, allora dovrebbe probabilmente giocarsi l’accesso alla fase finale dell’Europeo nel turno di playoff. La Norvegia ha perso 5 a 1 la partita di andata con la Croazia e ha vinto 2 a 0 quella di ritorno, quindi in caso di pari punteggio il secondo posto andrebbe alla Croazia.

Al turno di play off partecipano otto squadre che hanno terminato il girone come terze classificate, e lo passano in quattro. Le partite dei gironi terminano tutte oggi, 13 ottobre. La Norvegia ha un solo grosso problema per la partita di stasera: il capitano Per Ciljan Skjelbred è infortunato ma potrebbe riuscire a giocare comunque, si capirà poco prima dell’inizio della partita. Skjelbred si è infortunato durante la partita contro Malta ed è stato sostituito dal giovanissimo Martin Odegaard (16 anni), che gioca nella giovanile del Real Madrid ed è considerato una specie di futuro fenomeno del calcio mondiale. Però un conto è schierare un giocatore così inesperto contro Malta, un altro è schierarlo contro l’Italia (cosa che l’allenatore della Norvegia Per-Mathias Hogmo vorrebbe evitare). Per la Norvegia l’uomo da seguire della partita è Alexander Tettey, centrocampista 29enne di origini ghanesi che gioca in Premier League nel Norwich.

Come ci arriva l’Italia

L’Italia è messa abbastanza bene: è prima nel girone con 21 punti e contro l’Azerbaigian ha giocato una buona partita. Non ci sono grandi campioni in attacco ma la squadra riesce comunque a segnare abbastanza (9 gol nelle ultime 6 partite) ed è in grado di giocare con moduli diversi: 3-5-2, 4-3-3 o 4-4-2. I giocatori si muovono molto e questo permette di avere una buona velocità in attacco: sarà particolarmente utile contro la Norvegia, che è piuttosto lenta. Inoltre la Norvegia giocherà per la vittoria e quindi sarà costretta ad allungarsi lasciando molti spazi ai giocatori italiani. A favorire ulteriormente l’Italia c’è il fatto che non ha mai perso nelle ultime 38 partite ufficiali giocate in casa, l’ultima volta è stata nel 1999 quando venne battuta dalla Danimarca per 3-2.

L’uomo da seguire per l’Italia è Graziano Pelle, 29enne attaccante del Southampton. La sua vicenda è piuttosto curiosa: una decina di anni fa, quando giocava nelle giovanili del Lecce, era considerato uno degli attaccanti italiani più promettenti. Poi si è perso, ha giocato all’AZ Alkmaar e in alcune squadre minori, senza segnare molto e stando spesso in panchina. Nel 2012 è andato a giocare al Feyenoord dove ha finalmente incominciato a giocare bene: nelle ultime due stagioni ha segnato 55 gol in 66 partite. Due estati fa il Southampton l’ha comprato per 10 milioni di euro e sta segnando moltissimo anche in Premier League.

Dove vedere Italia-Norvegia

La partita verrà trasmessa in chiaro su Rai1, la trasmissione comincia alle 20.30. Per chi stasera non si trovasse davanti la televisione, Italia-Norvegia verrà trasmessa anche sul canale streaming della Rai.