Il messaggio per proteggere la privacy su Facebook (ANCORA?) è una bufala, dice Facebook

Il social network suggerisce di non credere a tutto quello che si legge su Internet (a parte la storia dell'acqua su Marte)

La pagina ufficiale di Facebook su Facebook ha pubblicato un breve messaggio per smentire la notizia – falsa, e che nonostante questo circola periodicamente – che il social network potrebbe diventare a pagamento; e allo stesso tempo per spiegare che non serve a niente pubblicare sulla propria pagina quel lungo messaggio che, citando diverse fantomatiche leggi, dovrebbe servire a tutelare la privacy di chi lo pubblica. Quelli di Facebook hanno cercato di spiegare la falsità delle due notizie con una battuta, dicendo: «Anche se è vero che c’è acqua su Marte, non credete a tutto quello che leggete su internet. Facebook è gratis e lo sarà sempre. E quell’avviso legale che copiate e incollate in giro è solo una bufala. State sereni, là fuori, terrestri!».

While there may be water on Mars, don’t believe everything you read on the internet today. Facebook is free and it…

Posted by Facebook on Monday, 28 September 2015

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.