(Photo credit: Dominic Lipinski/PA Wire)

L’app porno che scatta foto agli utenti

Per ricattarli chiedendo 500 dollari, secondo una società di sicurezza informatica che ne ha spiegato il funzionamento

(Photo credit: Dominic Lipinski/PA Wire)

Zscaler, una compagnia di sicurezza informatica, ha annunciato di avere scoperto che Adult Player, un’applicazione per piattaforme Android che offre materiale video-pornografico a chi la installa, scatta a loro insaputa fotografie degli utenti dalla fotocamera frontale, per ricattarli successivamente.
Secondo Zscaler quando l’utente inizia ad usarla, l’app gli scatta una foto, che viene poi mostrata sullo schermo del dispositivo – che da quel momento è bloccato – insieme a un messaggio di ricatto: l’applicazione chiede 500 dollari, circa 450 euro, per non diffondere fotografia e dati dell’utente. Il messaggio di ricatto rimane sullo schermo anche se il telefono viene spento e riacceso.

Un esperto di sicurezza ha detto a BBC che il ransomware – termine con cui si indicano queste forme di virus o truffe che bloccano i dispositivi o minacciano di cancellare i dati su di essi, chiedendo dei soldi per non farlo – è in crescita. Intel Security, una compagnia globale di sicurezza informatica, ha detto che gli esempi di ransomware sono cresciuti del 127 per cento dal 2014, soprattutto su computer e portatili. Raj Samani, capo direttore tecnologico di Intel Security Europa, ha spiegato che questo tipo di crimine è molto facile da mettere in atto ed è anche molto proficuo: Intel ha scoperto gruppi che avevano guadagnato con questo sistema più di 75mila dollari in dieci settimane.

Adult Player e applicazioni simili non sono disponibili su piattaforme d’acquisti controllate come Google Play, ma possono esser installate direttamente da una pagina web. Solitamente il ransomware è più comune sui computer che sugli smarthphone, ma il caso di Adult Player potrebbe essere un precedente.