Il crollo delle borse, spiegato

I mercati finanziari sono andati malissimo ovunque, l'euro è l'unica cosa che tiene

Un trader alla borsa di New York. (AP Photo/Richard Drew)

La settimana scorsa è stata la peggiore degli ultimi quattro anni per le borse di tutto il mondo. Lunedì le cose hanno continuato ad andare molto male: in quasi tutti i mercati si è venduto molto, indipendentemente dal tipo di titolo e industria. In Francia il principale indice di borsa ha perso circa il 5 per cento, nel Regno Unito il 4 per cento circa, in Germania e Grecia il 4,3 e il 10,5 per cento rispettivamente, in Spagna il 4,8 e in Italia il 5,3. L’indice di Bloomberg che raccoglie le 500 maggiori imprese europee, il Bloomberg European 500, sta perdendo il 5,2 per cento. Negli Stati Uniti lo stesso tipo di indice sta perdendo il 2 per cento circa. La borsa di Shanghai, che apre e chiude prima per questioni di fuso orario, ha perso l’8,5 per cento: con quest’ultimo calo si considera sia stato perso tutto quello che aveva guadagnato dall’inizio del 2015.

Schermata 2015-08-24 alle 2.50.25 PMIl principale indice della borsa di Shanghai è tornato più o meno allo stesso livello dell’inizio dell’anno. È stata cancellata tutta la crescita ottenuta in questa parte del 2015.

Le ragioni del crollo
Le cause di questo crollo – che è stato definito “lunedì nero” dai giornali di mezzo mondo – sono grosso modo le stesse che hanno fatto crollare le borse anche la settimana scorsa.

Il motivo principale è un panico generato dalla situazione cinese: in Cina il mercato finanziario è cresciuto moltissimo fino a giugno, poi ha cominciato a crollare molto rapidamente. Il governo cinese ha adottato diverse misure negli ultimi due mesi per cercare di arginare la caduta, ma non ha avuto successo: ha vietato ad alcuni investitori molto ricchi di vendere le loro azioni, ha incoraggiato i piccoli investitori a prendere soldi in prestito per investire in borsa e ha effettuato una modifica molto importante per quanto riguarda la moneta nazionale, rendendo lo yuan libero di fluttuare secondo il volere degli investitori. Il problema però è che il mercato finanziario cinese è ancora poco sviluppato, considerata la grandezza del paese, le regole vengono cambiate spesso e comunicate male e c’è comunque meno libertà che nei mercati dei paesi occidentali.

Perché il mercato cinese è crollato?
Il pessimo periodo della borsa di Shanghai è cominciato lo scorso 12 giugno. La condizione in cui si trova il mercato cinese sembra avere tutte le caratteristiche di una bolla finanziaria: i prezzi delle azioni nell’ultimo anno erano cresciuti moltissimo senza particolari ragioni collegate ai risultati delle aziende. Gran parte della crescita della borsa di Shanghai è stata trainata da ChiNext, l’indice che raccoglie le maggiori società tecnologiche della Cina: il corrispettivo di quello che è il NASDAQ per la borsa statunitense. Secondo molti analisti quello che sta avvenendo nel mercato finanziario cinese è molto simile alla bolla dei titoli “dotcom” del 1999, la cosiddetta “bolla della new economy”: una crisi finanziaria generata da un eccessivo entusiasmo per le nuove aziende digitali statunitensi.

La spiegazione più diffusa è che a un certo punto nelle ultime settimane gli investitori devono avere pensato che i prezzi fossero troppo alti e hanno cominciato a vendere: ma in un mercato finanziario, se molte persone si mettono a vendere, anche chi è abbastanza sicuro dei suoi investimenti preferisce vendere (è quella situazione che sui giornali viene descritta come “panico nelle borse”).

Le valute: l’euro e il dollaro
La decisione della Banca nazionale cinese di lasciare libero lo yuan ne ha causato una sua forte svalutazione. Come conseguenza della svalutazione cinese molte altre valute sono scese di valore, soprattutto nei paesi asiatici e in quelli che intrattengono molti rapporti commerciali con la Cina. Se due paesi commerciano e la valuta di uno dei due perde molto valore, è necessario che lo perda anche l’altra per non alterare troppo gli equilibri che rendono proficui gli scambi. L’euro però sembra cavarsela abbastanza bene ed è una delle poche valute che registra un guadagno, in particolare se confrontata con il dollaro.

Bisogna però distinguere l’andamento di una valuta quando è confrontata con tutte le altre o con solo alcune, particolarmente importanti. In questo caso, infatti, se consideriamo il dollaro rispetto a tutte le altre valute, notiamo che si sta rinforzando; se invece lo confrontiamo solo con certe valute importanti come l’euro o lo yen giapponese, che è quello che fa la maggior parte degli investitori, notiamo che il dollaro si sta indebolendo e l’euro rafforzando. Questo dipende in parte dal fatto che le due monete sono per certi aspetti antagoniste e l’euro, fra le due, è considerata una moneta più sicura nei momenti di difficoltà: generalizzando, spesso quando l’euro scende il dollaro sale, e viceversa.

Cosa c’entrano i tassi d’interesse
La questione del dollaro è inoltre legata ai tassi d’interesse: molti investitori si aspettano nel prossimo autunno un rialzo dei tassi d’interesse da parte della FED, la banca nazionale americana. La FED, così come molte altre banche nazionali, ha tenuto i tassi d’interesse molto bassi durante e dopo la crisi economica per facilitare la crescita economica. La governatrice delle FED, Janet Yellen, aveva annunciato un innalzamento dei tassi d’interesse entro la fine del 2015. Vista la difficile situazione dei mercati, però, molti prevedono che la FED torni leggermente sui suoi passi e decida di innalzare i tassi più tardi durante il prossimo anno o comunque in misura minore del previsto. Se gli investitori prevedessero un prossimo innalzamento dei tassi d’interesse negli Stati Uniti, comprerebbero dollari perché questi sarebbero più proficui di altre monete. Poiché un innalzamento si sta facendo meno probabile, alcuni investitori in queste ore stanno decidendo di vendere (o non comprare) dollari e rifugiarsi nell’euro.

Il tutto però succede mentre l’Europa non sta molto bene
L’altra questione di questi giorni è che l’economia dell’Europa, e quella dell’area euro in particolare, non sembrano propriamente in ripresa. Gli ultimi dati sulla crescita del PIL pubblicati la scorsa settimana si sono rivelati peggiori del previsto. Nel secondo trimestre del 2015 l’area euro è cresciuta dello 0,3 per cento, invece dello 0,4 stimato in precedenza. La Francia è rimasta in stagnazione e l’Italia è cresciuta di appena lo 0,2 per cento contro lo 0,3 stimato. Cosa particolarmente grave, tutto questo avviene in una situazione che – almeno per l’Europa – dovrebbe essere particolarmente promettente: l’abbassamento del prezzo del petrolio, il programma di acquisti di titoli di stato della Banca Centrale Europea (un programma più ridotto, ma simile a quello della FED) e il deprezzamento dell’euro. Come ha detto Alessandra Migliaccio, capo dell’ufficio di Roma di Bloomberg News, «l’economia europea si trova sotto steroidi, eppure non riesce a crescere più dello zero virgola».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.