Perché Nicki Minaj e Taylor Swift (e Katy Perry) hanno litigato su Twitter

Per l'esclusione di un video di Minaj da un'importante categoria degli VMA, ma anche di discriminazione razziale e corpi delle donne

Lo scorso martedì sono state annunciate le nomination per gli MTV Video Music Awards (VMA) del 2015: da allora si è cominciato a parlare dell’esclusione dalla categoria “Video of The Year” – cioè “Video dell’anno”, quella più importante – del discusso video “Anaconda” della cantante e rapper nera Nicki Minaj (“Anaconda” ha ricevuto una nomination per le categorie “Best Female Video” e “Best Hip Hop Video”, mentre è stato escluso dalla categoria “Best Choreography”). Minaj ha commentato su Twitter l’esclusione del suo video sostenendo che sia stata dovuta a una forma di discriminazione che ha privilegiato “altri tipi” di artiste (“altri” dal punto di vista del colore della pelle e della struttura fisica). Il tweet di Minaj ha avviato una polemica su Twitter che ha coinvolto anche le cantanti Taylor Swift e Katy Perry, e che si è conclusa giovedì pomeriggio con le scuse di Swift a Minaj.


Minaj si è lamentata anche del fatto che “Feeling myself”, il video che Minaj ha girato con Beyoncé, non abbia ricevuto alcuna nomination.

Alcuni ritengono che le critiche fatte da Minaj siano fondate, visto che “Anaconda” era diventato il video più visto di sempre in 24 ore su Vevo, e aveva generato meme, parodie, citazioni e discussioni. Dopo la pubblicazione delle nomination, Minaj ha pubblicato alcuni tweet critici diretti a MTV e al suo modo di scegliere i candidati per il “Video dell’anno”. Nella discussione su Twitter si sono inserite anche Taylor Swift – il cui video ha ricevuto una nomination per la categoria di “Video dell’anno” – e Katy Perry, notoriamente in cattivi rapporti con Swift.

Ehi, gente di MTV, grazie per le nomination. “Feeling Myself” non è arrivato entro le scadenze o…?

Minaj ha poi proseguito alludendo al fatto che se fosse stata un’artista “diversa” (è molto facile interpretare il suo “diversa” con “caucasica”), il suo video “Anaconda” avrebbe avuto più riconoscimenti.

Se fossi stata un’artista di un altro “tipo”, Anaconda sarebbe stato nominato anche per la miglior coreografia e per il video dell’anno.

“Anaconda”, scrive Minaj, ha avuto un forte impatto sulla cultura pop: la copertina del disco ha generato un meme, insieme a molte GIF tratte dal video, e se ne è occupata anche Ellen DeGeneres:

https://twitter.com/NICKIMINAJ/status/623572346951962625

Ellen [DeGeneres] ha fatto il suo video di Anaconda e ha rifatto la coreografia. Me la ricordo bene, Anche MTV ha scritto un post sulla coreografia, @MTV, te lo ricordi?

Non potevi andare sui social media senza vedere gente che reinterpretava la copertina, la coreografia, gente che la usava per i travestimenti di Halloween…un impatto così e niente nomination per il video dell’anno?

Minaj ha poi scritto altri tweet che in molti hanno interpretato come allusioni alla cantante Taylor Swift (lo ha interpretato così anche la stessa Taylor Swift).

Quando le “altre” ragazze fanno uscire un video che batte tutti i record e ha un impatto sulla cultura pop, ricevono le nomination

 

Se il tuo video celebra le donne con corpo molto snelli, riceverai la nomination per il video dell’anno

Non sono sempre sicura di me stessa. Sono stanca. Le donne nere influenzano moltissimo la cultura pop ma difficilmente ricevono riconoscimenti per questo.

Ha senso leggere un riferimento a Taylor Swift nei primi due tweet: Swift – insieme a Beyoncé, con il suo video “7/11” – è l’unica artista donna candidata nella categoria “Miglior video dell’anno”: gli altri candidati sono Ed Sheeran con “Thinking Out Loud”, Mark Ronson e Bruno Mars con “Uptown Funk” e Kendrick Lamar con “Alright”. Il video per cui Swift ha ricevuto la nomination, “Bad Blood”, ha battuto il record di visualizzazioni su Vevo nelle prime 24 ore precedentemente stabilito da “Anaconda” di Minaj.

Le protagoniste di “Bad Blood” sono Swift e un gruppo di modelle, cantanti e attrici con corpi molto snelli e asciutti (tra cui Cara Delevingne, Martha Hunt, Karlie Kloss, Zendaya, Selena Gomez, Gigi Hadid, Hayley Williams, Jessica Alba, Cindy Crawford). “Anaconda” propone invece fisici molto diversi da quelli che compaiono nel video di Swift.

Dopo poco, Swift ha risposto al tweet di Minaj, quello sui “corpi molto snelli”:

Non ho fatto altro che apprezzarti e sostenerti. Non è da te mettere le donne una contro l’altra. Forse un uomo ti ha rubato il posto…

Minaj parla spesso del sessismo all’interno dell’industria della musica e del sessismo in generale, con posizioni molto esplicite a favore della parità di genere: a questo si riferisce Swift quando dice che “non è da lei”. Minaj le ha risposto a sua volta dicendo che non si riferiva specificamente a Swift nei suoi tweet (anche se questo sembra poco realistico).

Eh? Mi sa che non stai leggendo i miei tweet. Non ho detto una parola su di te. Ti voglio bene altrettanto. Ma dovresti parlare di queste cose.

Swift ha chiuso lo scambio cercando di sdrammatizzare e invitando Minaj a unirsi a lei sul palco, nel caso “Bad Blood” vincesse “Miglior video dell’anno”.

Se vinco, vieni su con me!! Sei invitata su tutti i palchi su cui salirò.

Minaj non le ha risposto direttamente, ma ha retwittato una sua follower che invitava Swift a smettere «di usare la solidarietà femminile come scusa per non essere critica nei confronti dei media razzisti». Alcuni dei suoi fan hanno sottolineato anche  la somiglianza notevole tra il video di “Bad Blood” e quello di una band di K-pop sudcoreana.

La discussione sembrava chiusa, ma il 22 luglio si è inserita la cantante Katy Perry. Perry non è in buoni rapporti con Swift per motivi professionali: si erano contese alcuni ballerini e ballerine del corpo di ballo dei loro tour, e Swift in alcune interviste ha lasciato intendere che la “cattiva” di “Bad Blood”, il personaggio contro cui Swift si prepara a combattere con la sua squadra, sia una sorta di parodia di Perry. Inserendosi nella discussione su Twitter, Perry ha ha coinvolto indirettamente anche Rihanna, il cui video “Bitch Better Have My Money” è stato escluso perché è uscito il giorno della scadenza.

Trovo che sia ironico ostentare in giro l’argomentazione “mettere le donne contro le altre donne” mentre si fanno un sacco di soldi con l’attacco a una donna

La vera presa in giro è che non si capisce perché il video di Rihanna Bitch Better Have My Money non possa partecipare: i termini per partecipare ai VMA erano l’uscita tra il 7/7/2014 e il 1/7/2015: il video è uscito il 7/1…

Né Swift né Minaj hanno risposto per ora. Ma l’intero scambio è circolato moltissimo online, insieme ad articoli di commento sulle questioni serie sollevate dalle cantanti – la discriminazione razziale e quella legata alla prevalenza di un certo tipo di corpi di donne piuttosto che altri – al di là della specifica vicenda personale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.