I Laibach a Pyongyang. (AP Photo/Dita Alangkara)

La prima band straniera a suonare in Corea del Nord

I Laibach, stravagante gruppo sloveno di "industrial rock", ha tenuto il primo di due concerti a Pyongyang

I Laibach a Pyongyang. (AP Photo/Dita Alangkara)

Aggiornamento 20 agosto – La band slovena Laibach ha tenuto il primo di due concerti a Pyongyang, la capitale della Corea del Nord, diventando la prima band straniera di sempre a suonare nel paese. I Laibach hanno suonato nella sala principale del conservatorio Kim Won Gyun e hanno presentato una versione “leggera” della loro musica. A differenza dei loro tradizionali tour, hanno suonato diverse cover tra cui “Across The Universe” dei Beatles e “Arirang”, tradizionale canzone coreana, e hanno indossato vestiti tradizionali nordcoreani. Il secondo concerto del loro mini-tour, che si chiama “Liberation Day”, si terrà questa sera di nuovo al conservatorio Kim Won Gyun di Pyongyang.

****

La band slovena Laibach ha detto che terrà due concerti in Corea del Nord il prossimo agosto: sarà la prima band straniera di sempre a suonare in Corea del Nord. I concerti saranno il 19 e il 20 agosto nella sala principale del conservatorio Kim Won Gyun di Pyongyang, che può contenere circa 1.000 persone, e coincideranno con i festeggiamenti per il 70esimo anniversario della liberazione dall’occupazione giapponese della penisola coreana. La scaletta del concerto, dice BBC, sarà composta da alcune delle più famose canzoni dei Laibach e da alcune canzoni popolari nord coreane. I due concerti saranno filmati e faranno parte di un documentario che dovrebbe uscire nel 2016. I Laibach hanno anche diffuso il poster dei due concerti: il mini-tour si chiama “Liberation Day”, “giorno della liberazione”:

LaibachNKposter-584x826

Sul loro sito, i Laibach hanno spiegato che la maggior parte dei posti per i concerti sarà riservata ai cittadini nordcoreani. Il gruppo sta anche trattando con gli organizzatori locali affinché alcuni posti vengano garantiti anche agli stranieri:

Anche se la nostra missione è quella di far vivere a più cittadini nordcoreani possibili la Laibach experience, stiamo anche lavorando duramente per garantire che un certo numero di stranieri siano benvenuti, nello spirito della fratellanza e della comprensione tra le persone. In ogni caso il numero di biglietti per gli stranieri sarà limitato, quindi fino a prossima comunicazione:
«Iscrivetevi alla lista di attesa con uno dei nostri due partner turistici nordcoreani.»

La direzione artistica dei due concerti è stata affidata al regista norvegese Morten Traavik, che – dice BBC – è anche la persona che ha reso possibili i due concerti grazie alle sue conoscenze in Corea del Nord: «È uno dei pochi registi occidentali ad aver organizzato regolarmente eventi artistici e scambi culturali con la Corea del Nord e nel corso degli ultimi 5 anni ha conquistato la fiducia delle autorità coreane». Secondo BBC Traavik è riuscito a convincere le autorità nordcoreane ad approvare i due concerti dando la sua parola che i membri del gruppo non faranno nulla di contrario alle leggi nordcoreane.

I Laibach sono una band di “industrial rock” e suonano con strumenti recuperati e autocostruiti. Sono nati in Slovenia nel 1980 e si chiamano con il nome tedesco della capitale slovena Ljubljana che veniva usato sotto l’impero astroungarico e l’occupazione nazista. I Laibach sono piuttosto famosi anche perché all’inizio della loro carriera suonavano indossando divise militari e appropriandosi dell’estetica dei grandi regimi totalitari: alcuni li accusano di apologia del nazismo e del marxismo, altri dicono che il loro approccio è ironico e parodistico.