Abby Wambach della squadra statunitense di calcio femminile, con Caitlyn Jenner, premiata con l'Arthur Ashe award, consegnato agli atleti che hanno fatto scelte particolarmente coraggiose, Los Angeles, 15 luglio 2015. (Chris Pizzello/Invision/AP)
  • Sport
  • giovedì 16 Luglio 2015

Le foto degli ESPY Awards 2015

I premi assegnati ogni anno dalla tv sportiva ESPN agli atleti che si sono distinti nell'ultima stagione americana

Abby Wambach della squadra statunitense di calcio femminile, con Caitlyn Jenner, premiata con l'Arthur Ashe award, consegnato agli atleti che hanno fatto scelte particolarmente coraggiose, Los Angeles, 15 luglio 2015. (Chris Pizzello/Invision/AP)

Mercoledì 15 luglio si è svolta al Microsoft Theatre di Los Angeles la cerimonia di consegna degli ESPY Awards, i premi organizzati dal 1993 dal canale tv via cavo americano ESPN e consegnati agli atleti che si sono particolarmente distinti nell’ultima stagione sportiva statunitense. I premi sono spesso consegnati da attori, cantanti o altri atleti famosi. Quest’anno per esempio c’erano Kiefer Sutherland, Rachel McAdams, Jake Gyllenhaal, Ben Affleck e Britney Spears, mentre la cerimonia è stata condotta dal comico e attore Joel McHale. I candidati vengono selezionati da un comitato e poi votati online dal pubblico.

Il momento più intenso della cerimonia è stato il discorso del giocatore di football americano Devon Still, che ha ricevuto il premio Jimmy V per la tenacia, insieme alla figlia Leah. Leah ha cinque anni e da tempo è malata di tumore. Still ha raccontato spesso le difficoltà nel far fronte alle cure e alla malattia e ha messo in secondo piano la carriera per stare vicino alla figlia.

Anche la consegna dell’Arthur Ashe Award è stata piuttosto commovente. Il premio viene assegnato ogni anno ad atleti che hanno compiuto scelte particolarmente coraggiose (Arthur Ashe è stato un importante tennista statunitense morto di AIDS a causa di una trasfusione), e quest’anno è andato a Caitlyn Jenner, precedentemente conosciuta come Bruce Jenner, l’atleta statunitense che nel 1976 vinse la medaglia d’oro nel decathlon alle Olimpiadi di Montréal del 1976. Jenner ha dichiarato di essere transessuale lo scorso aprile e a giugno è apparsa in un’ormai famosa copertina di Vanity Fair nella sua nuova identità di donna, contribuendo a far parlare molto dei diritti delle persone transgender.

Il giocatore di baseball Derek Jeter, capitano degli Yankees che si è ritirato a settembre 2014, ha ricevuto il premio alla carriera. La nazionale di calcio femminile è stata scelta come migliore squadra, mentre l’atleta di arti marziali Ronda Rousey è stata premiata come miglior sportiva femminile. Il giocatore di basket Stephen Curry ha invece ricevuto il premio di miglior atleta uomo. La lista con tutti i vincitori si può leggere qui.